GIORNATA NAZIONALE SENZA FISCO

FAVOLE DI MADAME PIPI', PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE, SINFONIE

Se esiste il giorno degli innamorati, quello dei lavoratori, il giorno dedicato alla libertà, al Natale, la festa dei nonni e quella del gatto, perché non può esistere la festa dal fisco?

Il fisco è sempre esagerato e l’esagerazione nuoce.

E così anche il fisco.

Il fisco fa male alla tua voglia di costruire sogni pur essendo residente in Italia, fa male al tuo buonumore, specialmente quando passeggi per la tua città e vedi che il denaro che ti hanno tolto non viene utilizzato per il di lei benessere e, di conseguenza, neanche per il tuo di benessere che perde colpi, ogni anno che passa.

Il fisco ti segue sempre ma mai per portarti buone notizie.

Il fisco non ha un nome ed un cognome contro il quale potersi accanire e ti fa passare la voglia di lavorare quando ti accorgi che tu lavori e lui non fa un cazzo ma dividete la busta paga.

Il fisco è quella cosa che ti fa capire che sei diventato grande e che son finiti i diritti ed, ancor peggio, sono iniziati i cazzi amari, a meno che tu non faccia finta di non essere grande e ti faccia mantenere dai tuoi poveri vecchi e, a quel punto lì, due fischi ti meriteresti.

Ci vorrebbe il fisco contro il fisco.

Per tutti gli altri, ci vorrebbe la giornata nazionale senza fisco.

Qualora non ci fosse posto in calendario, a me andrebbe bene anche togliere qualche festa per liberare un posto, che ne so, il Ferragosto, il Primo Maggio, che tanto c’è un sacco di gente che lavora lo stesso e chiamarla festa dei lavoratori è una presa per i fondelli.

Che ci mettessero la giornata senza fisco così, perlomeno uno lavora ma guadagna il giusto lavorato.

Il giorno senza fisco: un giorno in cui tutti, finalmente, si potrebbe gioire insieme dell’antico rito sacro dell’incasso, senza subire il brigantaggio delle sigle incomprensibili.

Il giorno senza fisco, vi prego! Oppure, il giorno senza Iva che aspettiamo dal primo giorno di messa in onda di Ok, il prezzo è giusto!

Un giorno in cui tutti, legalmente, non pagano le imposte con il solo motivo di esser più felici.

E allora, giù con le feste che davvero servono all’umanità contemporanea: il 12 Gennaio, la giornata mondiale senza suoneria del cellulare, il 22 Novembre, la festa nazionale del pigiama, durante la quale tutti possono uscire di casa e sbrigare tutte le proprie professioni, indossando l’amata veste da camera in flanella.

Il 14 Luglio, il giorno della ripercussione: una festa speciale dedicata agli elettori che hanno il diritto di cercare, scovare nelle segrete dei ministeri e percuotere con piccole armi artigianali, i politici votati che non hanno mantenuto il proprio programma elettorale, il 29 Ottobre, la festa della spesa gratuita al supermercato, il 26 Gennaio, la festa della parolaccia libera contro sconosciuti a fini terapeutici ed infine, il 30 Dicembre, forse la festa che preferirei, il giorno del calcio in culo a quelli che domandano “Che fai a Capodanno?”.

 

2 pensieri su “GIORNATA NAZIONALE SENZA FISCO

  1. Proposte eccellenti!!! Io aggiungerei tipo il 7 luglio la festa del terzo dito/calcio nella tibia a chi chiede “Non vai da qualche parte quest’estate?” o “Ferie?” 💣Comunque complimenti, sei forte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...