CANTICO ALLA CACCIA

COSE FASTIDIOSE, PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE, SINFONIE

Abitare in campagna è forse la scelta migliore che io abbia mai fatto in vita mia.

In effetti è l’unica scelta buona che io abbia fatto, in mezzo a tante scelte di merda e perciò la migliore.

Inutile dirvi che salto di qualità incredibile abbia fatto la mia vita, da quando vivo su queste colline selvagge!

Così, anche stamattina mi sveglio e, dopo una rapida colazione, sono pronta per portare il mio cane nei boschi!

Allora prendo il giubbotto anti-proiettile, il fischietto, il casco integrale e lo scudo.

Metto al mio cane la pettorina giallo fosforescente, il collarino con la campana di ottone e un paio di lampadine a intermittenza che si accendono quando un sensore percepisce il dialetto bergamasco, nel raggio di duemila metri.

E’ iniziata la caccia, mica si può uscire così, in maniera avventata, come quelle che si fanno violentare nei parchi pubblici.

Andiamo nel bosco, io e il mio cane, con la speranza di portarci a casa qualche fungo, nascosto sotto alle cartucce di plastica, che i cacciatori, normalmente anziani non vedono cadere in terra, così come non vedono neanche i funghi, così come non vedono neanche le belle altezze intellettuali che l’essere umano sarebbe in grado di toccare, se solo volesse.

Coro: Ma io e il mio cane ce ne andiamo per boschi, che meraviglia! Che ci frega?!

Usciamo di casa e io passeggio con lei nel bosco, fischiando come un arbitro della Champions oppure usando direttamente la tromba di SOS delle navi quando affondano, per far sentire ai cacciatori che io e il mio cane vorremmo passeggiare senza il timore di morire dissanguate su queste colline belle e selvagge, per mano di un coglione che non fa visite alla vista, da secoli.

Infatti, non mi rassicurano le notizie di cronaca, che dicono che spesso si sparino tra di loro; perché se sparano ad un vecchio amico, perché non dovrebbero sparare a me, che sto scrivendo un pezzo contro di loro?

Coro: Ma io e il mio cane ce ne andiamo per boschi, che meraviglia! Che ci frega?!

Esco di casa col mio cane, rientro a casa col mio cane e altri quattro cani sperduti, coi collarini fatti con le funi delle barche o con le fettucce colorate, che i cacciatori mettono loro per non perderli, ma forse alcune fettucce non hanno la garanzia.

Coro: Ma io e il mio cane ce ne andiamo per boschi, che meraviglia! Che ci frega?!

Li incontreremo vestiti di verde, coi loro fucili a centocinquanta metri dal portoncino della nostra casetta.

Cordiali nonostante mettano i loro nove cani (non perduti) in una gabbietta che sarebbe per un bassotto.

Gentili nonostante sparino a piccoli animali che vengono acquistati in cattività coi soldi della Regione e rilasciati per i loro unici, due giorni di libertà.

Educati nonostante finanzino un mercato già florido, come quello delle armi, che poi è il fiore all’occhiello del Made in Italy in tutto il mondo, se solo lo sapessero.

Li incontreremo nei boschi, dove anziché investire il loro tempo libero in volontariato o attivismo politico, anziché caricare il fucile a sterco di pecora e andare sotto Montecitorio, anziché utilizzare i soldi della pensione per portare in vacanza le mogli, li troveremo ad accanirsi contro gli uccelli, forse invidiosi del loro nome, della loro libertà e della loro innocenza.

Li troveremo accucciati nelle casine di legno a sparare in sessanta a un cinghiale al quale per tutta l’estate hanno dato cibo, mettendo i dispenser nei boschi, e io che pensavo lo avessero adottato…

Li troveremo lì, nel bosco, a cambiare la nazione sparando alle lepri, immaginandole nemiche mentre i nemici veri riducono loro la pensione a poche centinaia di euro.

Coro: Ma io e il mio cane ce ne andiamo per boschi, che meraviglia! Che ci frega?!

Basterà aver pazienza tre mesi e aspettare che ripongano di nuovo la propria virilità sul divano di casa, allo stadio, al bar o in quel posto lì, sperduto chissà su quale collina dove hanno lasciato dignità e pietà chiuse anch’esse nel fodero.

CIRCA LE DONNE DI MARE

GABINETTO DELLE PICCOLE COSE SERIE.

Un pezzo scritto per la kermesse Se permettete parliamo di donne, organizzata dalla Società Umanitaria Alghero.

Alghero, Lo Quarter – Domenica 19 Marzo 2017 ore 19

I

Permettete se parliamo di donne?

Di quelle femmine di essere umano che hanno avuto la sventura di nascere all’interno di una razza evoluta come quella dell’essere umano, senza tuttavia godersi il lusso dell’evoluzione ma con mille obblighi e gerarchie vicini ancora all’ordine animale.

Permettete se parliamo di donne ma non di vestiti firmati, trucchi e ballerine?

Si può?!

Preferiamo parlare di pelle sudata, cuori spezzati e cervelli coi pensieri stipati.

Preferiamo parlare di lupe, di roghi con sopra presunte streghe e di silenzi pieni di suoni.

Fate la cortesia, concedeteci un po’ di tempo per parlare di notti insonni, di pance che si gonfiano e sgonfiano come vele, di gente condannata a cucinare lasagne a vita.

Perchè le donne sono anche genti, persone.

Concedeteci di parlare non di mamme, nonne, mogli, fidanzate e infermiere ma di persone.

Le persone che compongono il mondo e per questo sono costrette all’analfabetismo, allo stipendio più basso di tutti, alle mutilazioni più segrete e offensive di tutti i prigionieri di guerra.

Costrette ad obbedire ad altre persone col cervello mutilato.

Costrette a obbedire ai propri figli.

Fateci parlare delle persone costrette a lavorare come prostitute. Come se non bastasse essere costrette a lavorare.

Fateci parlare della gente che ha subìto castighi chiamati mansioni e che ora si ribella in modo scomposto, schiacciando tutto ciò che incontra in maniera disordinata, compulsiva.

Ma non è forse questa la strategia di tutte le rivoluzioni?

Fateci considerare la parola donna come un’evoluzione della parola persona, non come una condizione biologica.

Qualcosa da meritarsi non con la nascita ma col fuoco.

 

 

II

E poi ci sono le donne delle isole, al di sopra di tutti grazie alla condizione biologica di esser nate su uno scoglio.

E se nasci su una roccia sei già una donna, sei già un uomo.

Non hai tempo per altro che per l’essenziale.

Le sarde.

Chi le ferma le donne sarde, cresciute sulle pareti di calcare tra il mare aperto e i cespugli di mirto?

Ci sarebbe da portarle sul continente, le donne sarde.

Ci sarebbe da rapirle come ci hanno insegnato a fare e da portarcele sul continente, che tanto c’entrano nel bagaglio a mano.

Bisognerebbe portarle in Europa per farle parlare con certe donnette di terraferma, intrappolate nella rete a maglie fini dell’apparenza, dell’inconsistenza.

Io alle donne sarde farei produrre un tutorial, uno di quei corsi col cd-rom allegato che insegni alle ragazzine a starsene con la faccia contro il vento, come si protegge un territorio, come si danza con le proprie tradizioni senza annoiare platee, senza il vestito buono, senza soldi.

Io le sarde le farei entrare nei libri di scuola, nelle tasche dei politici, nei negozi e nelle università a spiegare cos’è il carisma.

A spiegare cos’è la dignità a quei catorci con la permanente e gli sciatusc che credono basti un figlio e un paio d’ore dall’estetista per essere donne.

Che non sanno cosa diventa il mare quando incontra il vento, che non riconoscono più odori e profumi che le loro antenate un tempo, fiutavano da miglia e miglia e che solo le sarde riescono ancora a percepire.

Dio salvi le donne delle isole e le cose che appartengono a pochi.

APOLOGIA DEL VEGANESIMO

PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE, SINFONIE

La luminosa e avvincente battaglia portata avanti dai vegani mi è sempre piaciuta.

Perché è molto avvincente, capite?

Mi spiego: se sei celiaco nessuno ti rompe i coglioni anzi, ti si coccola e ti si trova subito un’alternativa.

Se sei allergico ai latticini ti accarezzano la testa e si dispiacciono.

Se ti astieni dalla carne e dai prodotti derivati dagli animali sei un invasato.

Se a sessant’anni ti vesti da militare e te ne vai col mitra finto nei boschi, a sparare pallottole di plastica contro i tuoi amici, sei un divertente appassionato di soft-air.

Se non mangi carne sei un integralista anoressico.

E’ più facile convincere qualcuno che ammucchiarsi in una palestra a correre sul tapis-roulant, respirando il sudore di altre cinquanta persone sia salutare che convincere qualcuno del fatto che una persona vegana possa essere in buona salute e affatto denutrita.

Anche a me sembrava assurdo ma poi, attraverso l’antico e sexy gesto dell’auto-documentazione, ho scoperto che un vegano non è per forza anemico né somiglia necessariamente a un Hare Krishna.

Vi è uno sforzo ancestrale nell’individuo vegano, una fonte di energia incessante che gli consente di sopravvivere sereno in un mondo in cui la gente si veste ancora con la pelle degli animali e si nutre del cuore di essi, seduta nei migliori ristoranti stellati e facendolo come fosse la cosa più normale del mondo (e di fatti lo è), una di quelle cose che l’uomo fa da sempre.

Vorrei soffermarmi un attimo sulla giustificazione di determinati gesti o attitudini attraverso frasi del tipo “ l’uomo è così, ha sempre fatto così, è sempre stato carnivoro, fin dalla notte dei tempi ”.

Ad oggi non sono vegana ma l’idea di giustificare alcuni miei gesti come propri della specie alla quale appartengo, non mi fa sentire completamente umana.

Perché per specie umana intendo quella della persona con una propria identità, un po’ cultura e anche spirito e quelle faccende lì dell’anima.

Mi pare un po’ sbrigativa come giustificazione, ecco tutto.

Eppure sarebbe fantastico se potessimo vivere con tale giustificazione sempre al nostro fianco, quella di essere umani ma ancora cavernicoli.

Sarebbe splendido eh.

A chi non piacerebbe far popò tra le macchine, per strada anziché cercare un bar dove entrare di corsa, senza avere tempo di consumare o chiedere il permesso.

Sarebbe splendido.

Ci si potrebbe accoppiare nelle sale d’aspetto delle asl.

E che dire dell’usucapione?!

Ho sempre sognato la casa al mare: se mi restasse anche solo un grammo di istinto primitivo dietro al quale difendermi, farei secco Bobo Vieri per occupargli la casa a Formentera.

Cambiando l’arredamento però.

Forte di questa storia dell’uomo nato così, allora mi appare ragionevole che esista ancora la schiavitù e certo colonialismo industriale.

Ma c’è qualcosa che non torna.

L’uomo mangia carne ma ha smesso di credere nel Dio Fulmine e ha inventato le mutande.

Vuole dire che esiste una certa evoluzione.

L’evoluzione umana (negli individui degni di essa) è una continua ricerca diretta all’elevazione della creatura mortale e coi peli incarniti, verso le altezze della erudizione, dell’eleganza e della saggezza.

L’evoluzione è una disciplina che diventa costume sociale.

E in questo campo, quello della disciplina, è indiscutibile che il vegano sia uno forte.

Il vegano si è auto-inflitto una disciplina ascetica senza la scusa di allergie e nonostante la sua origine cavernicola.

Perciò il vegano educato mi piace.

IL NON FORMAGGIO

E poi c’è la storia dell’ossessione creativa che il vegano ha e che da sempre mi affascina, nei confronti dell’ingrediente sostitutivo.

Esiste un sacco di roba buona da mangiare nel mondo.

Uno sveglio riuscirebbe a campare bene cucinando tutti i giorni roba diversa senza mai avvertire la mancanza di bistecche o uova, così dicono gli studiosi di nutrizione.

Ma il vegano ne fa una questione di accanimento creativo.

Il vegano è uno psicopatico ricercatore di alternative e ti trova la fibra di alga marchigiana con lo stesso, identico sapore del cacciatorino.

Conosce l’erba capoverdiana che sa di stinco di maiale, il tubero con la stessa quantità di proteine del caciocavallo.

Non è divertente?

Il vegano per andare da Roma a Milano trova il modo di metterci meno tempo passando via mare.

Il vegano riuscirebbe a vestirsi coi rifiuti e a costruirsi un computer coi peli della barba, il computer vegano.

Il vegano è l’unico che riuscirebbe a sopravvivere a qualsiasi calamità perché si nutre di alternative.

Sostituisce, crea, tiene in moto il cervello sinistro pur convivendo con quelli che comprano le cotolette surgelate e che impongono alla società umana di non fare popò davanti ai negozi chic.

Mi piace questa storia.

Mi piace la creatività vegana.

Temo un po’ la grande quantità di leguminose presenti in questa dieta perché soffro di aerofagia da leguminosa e mi domando cosa potrebbe succedere se tutti i vegani ne soffrissero e organizzassero, che so, un flash-mob!

Cosa potrebbe succedere al mondo se Galeazzi diventasse vegano e apprezzasse tutti quei fagioli cucinati in mille modi ?!

Ma se affrontiamo le cotolette surgelate possiamo affrontare anche l’aerofagia.

Mi piace questa faccenda del veganesimo!

Mi pare una gran bella avanguardia se proposta col sorriso, senza prendersi troppo sul serio e con l’obiettivo di proteggere gli animali dai macelli industriali e i consumatori dalle malattie come si fa coi bambini davanti al porno in tv.

L’opinione vegana non ha bisogno di gridare, basta professarla.

E’ sempre bello quando non si da fastidio con la propria opinione ma semplicemente si agisce in maniera coerente con essa.

Si diventa silenziosi, eloquenti e infallibili come certa aerofagia.

E’ MASCHIO IL SUO?

COSE FASTIDIOSE, PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Come posso difendermi da quelli che incontro per strada e che vogliono per forza flirtare col mio cane?

Che poi io i cani li amo tanto, come del resto amo profondamente tutti gli animali a prescindere da cosa mi fanno.

Inoltre ho un cane graziosissimo, superiore alla media.

Un cane che è contemporaneamente amica, badante, security e quando sono triste, figlia.

Ma quelli che incontro per strada, alla fermata della metro o al giardinetto e mi fermano anche quando ho evidentemente fretta, per chiedermi anni, sesso e nome del mio cane, li vorrei vedere con a terra con le ossa rotte.

A parte che il sesso del mio cane, posto che l’argomento sia d’incontenibile importanza per la vita di uno sconosciuto, è facilmente identificabile da quando esistono i libri di educazione sessuale, ciò che risveglia in me odio imperituro è l’atteggiamento della gente che prova a indovinare, chiedendomi “Maschio?!” e se io faccio cenno di no, loro imperterriti si sbrigano a chiedermi “Femmina?!” .

A quel punto per me, che sono una dispettosa, diventa doveroso rispondere che no, non è neanche femmina, facendo partire tutto un teatrino di merda che mi fa perdere montagne di tempo in risatine per strada, con un fottuto sconosciuto.

Li riconosco da lontano, quelli che vogliono abbordare il mio cane.

Capisco che son loro quando ormai non ho più scampo: sorridono già da mille metri di distanza e iniziano a gongolare e a sussurrare cose senza senso con le vocine da fatine froce, un pissipissi al profumo di fragolina di bosco, un minniminni che pensano provochi chissà che piacere al mio cane mentre a Mila, sono sicura che non gliene sbatte un sega di niente e che preferisce odorare gli angoli putridi di pipì piuttosto che alzare lo sguardo per dar retta alla signora con la pelliccia e la manina a cucchiaio che vuole amoreggiare con lei.

I più spregevoli fanno finta di avere un biscotto in mano pur di farsi cagare dai cani più ostili e avvicinano la mano dicendo “ Tò, guarda un po’, tò! ”.

Cosa c’è di diverso tra questo gesto ignobile e quello del malintenzionato fuori da scuola che avvicina i bambini con le caramelle per poi toccare loro il sederino?!

Li riconosco da lontano io, quelli che vogliono conoscere per forza il mio cane.

Di me non gliene frega niente, non c’è nulla di erotico o di interessato, loro vogliono solo il mio cane.

Vogliono solo sedare il loro desiderio frustrato di avere un cane senza tenerselo in casa e doverlo portare a pisciare o avere i suoi peli sulla poltrona.

Del mio cane, tra dieci minuti, non gliene fregherà nulla, a loro importa solo di poterlo toccare un istante, per sentire la morbidezza del suo manto e dirmi che vorrebbero tanto un cagnolino ma sono allergici.

E io credo di essere allergica a loro e alle loro vocine da topino stronzo di Cenerentola.

Ora che ci penso, voglio difendermi anche dai padroni dei cani. Non da tutti, eh.

Da quelli che incontro per strada e che, quando mi vedono arrivare, iniziano a stringere forte il guinzaglio per tenere il loro quadrupede manco fosse un drago di Komodo.

E stanno lì, con tutte le vene della fronte gonfie, a tirargli la pettorina e quasi lo sgozzano mentre gridano da lontano “E’ buono il suo?!” oppure, ancora con ‘sta storia dei genitali, “E’ maschio?!”.

E a me viene voglia di gridare loro appresso che è femmina se il loro è femmina e maschio se il loro è maschio e che il mio, anche se lo vedono piccolo e dolce, è un cane di rara ferocia, è una di quelle marche di cani esotiche dichiarate pericolose dai giornali.

E stiamo arrivando a rompere il culo a entrambi.

Poi mi trattengo sempre, per borghesia.

A quel punto, si ripete il triste copione: loro partono con la litania di “Stai buono Taddeo, eh. Stai buono, per carità!”.

E se Taddeo non pensava per niente alla colluttazione, a quel punto, percependo l’ansia del padrone nell’atmosfera, sente risvegliarsi in lui la bestia di Satana e inizia a sbavare e vuole sangue.

Solo che non riesce a muoversi.

Perché il povero Taddeo è uno di quei disgraziati cani col cappottino.

E si sa, i cani col cappottino risultano ridicoli agli altri cani normali e devono passarsela malissimo ed essere presi molto per il culo dal resto dei colleghi più fortunati di loro, sfuggiti ai padroni che amano il cappottino e trattati come bestie normali.

Come posso difendermi dal mondo dei padroni che comprano cani nei negozi e infliggono loro il cappottino Ralph Lauren?

Come posso salvarmi se non gridando da lontano che il mio cane ha una brutta malattia virale e anche io?

E’ tutto un gridarsi da lontano, il mondo dei padroni dei cani, alla fine.

SFOGO DI UNA MADRE

FAVOLE DI MADAME PIPI', PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

gatti-in-relax-1

Mi sono svegliata questa mattina con una voglia incredibile di mandarvi tutti a ramengo.

Sono stanca di tutto il lavoro che mi date, di tutte le lavatrici che devo fare ogni giorno per voi, delle ore passate in cucina per darvi da mangiare roba che schiferete.

Stanca di riordinare le vostre cose che abbandonate per casa, le palle e gli altri giocattolini di merda che devo sempre rimettere a posto io senza la vostra minima riconoscenza.

Ma che ho fatto di male per meritarmi voi?

Perché quel giorno non sono andata a passeggio?

Siete dei lavativi, perdigiorno, egoisti che non siete altro, ecco.

Mi sono svegliata stamattina e ho capito che sono stanca marcia di sacrificarmi per voi.

Coi vostri orari di merda che se ne fregano di una stronza che lavora tutto il giorno e di notte vuole dormire.

Invece no, mi svegliate come fossi una serva.

Questa casa non è mica un albergo, sapete?!

Parassiti: senza di me non sopravvivreste mezza giornata!

Ah, ma vi sistemo io, cari miei.

Da oggi le cose cambiano.

Mi sono svegliata stamattina e ho capito io come aggiustarvi a voi, teste calde.

Da oggi ognuno lava le sue cose, che cazzo.

Ognuno rimette a posto quello che usa o, quanto è vero Dio, vi sbatto fuori di casa e al diavolo.

Soprattutto tu, Leopoldo, che la fai puntualmente fuori dalla lettiera.

Da oggi le cose cambieranno, gatti di merda.

Sophio, Nostro Signore delle campagne.

FOTTUTA CAMPAGNA

Al comando della mia personale armata felina c’è il Generale Sophio.

Per diventare ricca basterebbe che i creativi di una qualsiasi agenzia pubblicitaria vedessero Sophio: so che mi offrirebbero subito un contratto milionario per farne un brand, una di quelle faccette che finiscono stilizzate su qualsiasi cosa, dalle T-shirt alle tazze.

La potenza mediatica di Sophio è gigantesca e andrebbe giustamente valorizzata ma per dare una giustificazione a tutta questa potenza, racconterò  brevemente la storia di questo gatto leggendario.

Sophio nasce normalissimo gatto maschio persiano color champagne, in un allevamento.

Quando arriva la sua ora viene messo in vendita in un negozio (mi fa piangere pensare che il mio gatto possa essere stato messo in vendita) e viene addirittura acquistato da una famiglia torinese che, falsa e cortese, lo accoglie in casa a un’unica condizione: che sia femmina.

Al momento dell’acquisto viene comunicato alla famiglia che purtroppo è rimasto solo un maschietto, ma a questi miseri esseri umani non importa: lo chiameranno Sofia e con tutto quel pelo, nessuno scoprirà la verità.

Passano gli anni e il mio piccolo ermafrodito vive più o meno sereno, ma proprio a causa di questa spiacevole cosa soprannominata “crescita” che a un certo punto tutti gli esseri affrontano, il felino/a non è più appetibile e la signora di questa discutibile famiglia un bel giorno si convince che “la gatta Sofia” sia responsabile della sua asma. Per Sofia non c’è più posto.Mi viene di nuovo da piangere solo al pensiero. IMG_5508

Provano a riportarla al negozio, ma a quattro anni un gatto è considerato invendibile, quindi inizia la caccia all’adozione conclusasi con la minaccia (più diffusa di quanto si pensi): «O me o la gatta. Se nessuno se la piglia finisce al gattile!».

Ho un’amica che tutti i torinesi amanti degli animali conoscono e venerano: si chiama Chiara e anche lei, come l’amica di san Francesco, è donna in concetto di santità perché dedica corpo, anima e conto in banca ai pelosi in necessità.

Quando Chiara viene a sapere questa triste storia, piglia la macchina e si presenta a casa dei cattivi, li prende a schiaffetti e si porta via il povero Sofia; poi si butta in autostrada verso Roma e mi chiama perchè le risulta che io al momento stia vivendo, per circostanze inspiegabili, senza gatti.

Mi dice che sta partendo da Torino, che nel giro di sette ore sarà a casa mia con Sofia e che il piccolo ha problemi di incertezza sessuale ma che per il resto sta bene.

Arriva all’alba con questo gigante scorbutico di cui mi racconta la storia e io a quel punto mi commuovo e penso che sarò onorata di fargli da mamma ma che, dopo quattro anni, mica posso chiamarlo Giuliano.

Quindi optiamo per Sophio: esotico, sexy, irresistibile.

Sophio comunque starà anche bene ma è incazzato all’ennesima potenza.

Le prime due settimane le passa sotto il mio letto; esce solo quando io non sono in casa. Si affaccia, controlla bene e scivola fuori per mangiare, bere e farmi una gigantesca diarrea sul letto, nel centro preciso del cuscino, come a voler mettere in chiaro fin da subito le cose e ricordarmi che lui è Sophio.

Dopo un mese siamo inseparabili. Mi accompagna ovunque, facciamo anche le vacanze insieme e io sono pazza di lui: Sophio è sempre incazzato con tutto e tutti, infastidito da qualsiasi cosa, animale, canzone fiore, città o persona che gli venga proposta. Ma per me stravede e l’era delle diarree è terminata.

IMG_2829

Purtroppo, dopo qualche tempo, appena riesce a recuperarsi completamente dall’incertezza sessuale, Sophio viene investito e si frattura la piccola mandibola persiana. Viene operato e il veterinario mi dice che non ci sono speranze, che anche se è tutto ricucito col fil di ferro non riuscirà a mangiare con facilità e morirà di fame.

Così esco dalla clinica con il viso che è di nuovo una maschera di lacrime: Sophio, che destino, che vita di sofferenze e, soprattutto, che morte terribile!

Dopo un paio di settimane con la sua nuova mandibola di acciaio, Sophio sembra il gatto di Robocop e mangia più di quattro vitelli.

E’ muscoloso, ancora più incazzato con la vita e a memoria di questa ennesima vittoria contro la morte e l’abbandono, il piccolo eroe avrà la lingua fuori dalla bocca a vita, senza possibilità di schiaffarsela dentro neanche per un minuto, fissata dall’operazione di quel giorno, come la cicatrice di un militare o il tatuaggio di un galeotto, un particolare che lo rende ancora più irresistibile.

Oggi il generale Sophio, alla rispettabile età felina di sette anni, dopo aver vissuto tutta la sua vita tumultuosa in appartamento, vive in campagna dando prova di sapersi adattare a qualsiasi situazione, oltre che a qualsiasi sessualità.

Poi, vogliamo parlare del piacere di farsele girare quando finalmente uno ha ritrovato la propria identità sessuale?

Sophio picchia tutti, vede pelo e picchia, non perde tempo a riconoscere se quel gatto vive in casa con lui o no. Mena dall’alba al tramonto, momento in cui finalmente riposa la sua zampa vendicatrice e si siede sul davanzale più alto del fienile, con la criniera bionda che gli svolazza come un fazzoletto infuocato dalla luce del sole che muore dietro le colline.

Perchè anche il sole muore ma Sophio no e se gli girano, picchia pure lui.

Questo racconto è tratto dal libro Fottuta Campagna e questo è il book-trailer:

https://www.youtube.com/watch?v=uAWxWtKg1L8

Vuoi comprare Fottuta Campagna? Buongustaio:

https://fazieditore.it/catalogo-libri/fottuta-campagna/

ORGOGLIO GATTARO

COSE FASTIDIOSE

catlady E’ inutile cercare di dissimulare certe fastidiose caratteristiche della nostra famiglia, certi difetti di fabbrica mentali o di costituzione che ci portiamo dietro nei genomi.

La gente, alla ricerca perenne del marcio perduto, nota sempre prima i difetti delle qualità e ci cataloga in maniera precisa e premurosa in base alle gambe grosse o alla casa in disordine.

Meglio quindi ammettere fin da subito quei nostri difetti secolari che conosciamo bene e rendersi magari anche affascinanti, grazie ad essi.

Sono una gattara.

Da parte di madre la mappa del mio albero genealogico è costellata di donne eleganti, creative, di buon gusto, entusiaste e forti ma tutte legate da una passione fuori controllo per i felini. Un amore sfrenato di quelli che ti trasfigurano, che ti fanno smettere di pensare alla conservazione di una dignità base, per vivere ai limiti dell’integralismo religioso.

Conosco questo male che le donne della mia famiglia si passano di madre in figlia e cerco da sempre di arginare il più possibile il potere che i gatti esercitano sulla mia persona ma certe cose sono incontrollabili o controllate da qualcun altro, non certo da me.

Cerco di evitare in tutti i modi la possibilità che quando un ospite entra in casa mia dica “ che odore di gatto! “.

Eppure tutto il mio mondo sa di gatto: la mia auto, i miei vestiti, i divani, i miei racconti sono tutti impregnati dell’odore di sottomissione ai gatti.

Cerco di mantenere profumato tutto ciò che mi appartiene ma l’odore di gatto mi precede.

E’ un odore talmente mio che non riesco a riconoscerlo ma gli amici più stretti mi dicono che si avvicina molto a quello che viene considerato “ l’odore di vecchio ”.

E non è piacevole essere additata come la ragazza carina che puzza di vecchio.

Allora lo dico subito, quello che sono: l’ultimo anello di una generazione di gattare, l’erede della vestaglietta di flanella coi croccantini nelle tasche, la futura vecchia signora con la paletta in mano e il bastone a tre piedi per sorreggere le stanche ginocchia, provate da tante cadute da inciampo su gatto.

Il gatto infatti, ha sviluppato nei secoli di contatto con l’uomo e con la gattara, una straordinaria intelligenza stronza che lo ha reso abile nel materializzarsi tra le gambe del bipede che lo nutre, per farsi suo ostacolo mobile e probabile causa di contusione, nel caso in cui il soggetto bipede sia su superficie piana o addirittura di decesso, nel caso in cui sia in presenza di scale.

Eppure, nonostante l’odievolezza premeditata dei gatti, la mia famiglia li ama a tal punto che io sono gattara di nascita.

Non ho scelto di esserlo, sono nata in una casa dove i gatti già padroneggiavano da anni, quindi ho solo potuto prendere atto di una eredità inesorabile che si sarebbe presto abbattuta su di me: la sudditanza nei confronti dei mici.

L’ho intuito già da molto piccola, dai loro sguardi, piccoli, severi e chiari.

Quando sono nata i gatti mi guardavano da sopra le credenze e dalle sedie di paglia, con occhio malvagio e indagatorio e così sono cresciuta chiedendo loro scusa per il disturbo di stare al mondo e servendoli come meglio posso.

Vivo da sola ormai da molti anni, viaggio molto per lavoro e avrei potuto evitare di adottare dei gatti e spezzare la catena secolare di supremazia felina.

Invece no. Quasi senza che me ne accorgessi, tre grossi gatti di strada mi hanno attirata come fanno certe giovani mignotte cubane coi vecchi europei.

E la maledizione è proseguita.

Oggi quando mi sveglio, ancor prima di lavarmi la faccia, scendo al piano terra, vado a tentoni fino alla cucina e con gli occhi cisposi, barcollo verso la dispensa dove tengo le primizie per i miei padroni pelosi e riempio le loro ciotoline fino a farle scoppiare, certa che la notte li abbia affaticati e che debbano idratarsi subito con qualcosa di fresco, nonostante abbiano a disposizione h24 un dispenser di croccantini professionale, da allevamento in batteria, un silos di plastica che mi arriva al ginocchio e che i maledetti animali svuotano in poche ore, per poi svuotare i loro piccoli corpi all’interno delle lettiere inamidate che preparo quotidianamente per i loro sfinteri raggrinziti.

Se la lettiera non si trova in perfette condizioni, i miei gatti defecano bollenti torte marroni, proprio davanti alla piccola porticina d’ingresso del loro sebach sabbioso; un’ammonizione per la signora delle pulizie, che sarei io, affinché provveda subito a sterilizzare lo spazio a dovere.

E’ una tecnica che talvolta sogno di praticare anche io nei gabinetti pubblici degli autogrill e dei treni italiani, ma non avrò mai la stessa freddezza che hanno i miei gatti nel compiere certi gesti esemplari.

I miei felini vivono in campagna, sono molto fortunati e potrebbero goderne a pieno, smettendo di usare la lettiera e depurando i loro intestini sull’erba fresca di rugiada del mattino o sulla terra arata dell’orto. No.

Non esiste. Culo di gatto viziato non si abbassa ad uscire di casa anzi, se ha necessità di questo tipo, e si trova in giardino, culo di gatto viziato entra in casa, per utilizzare i giusti servizi a sua disposizione.

E io, in quanto gattara non mi arrabbio, anzi mi mortifico e cerco di mantenere tutto profumato e igienizzato, temendo rappresaglie e in questo modo, come in mille altri, subisco, nel più spregevole dei modi: subisco per amore, ciecamente come solo questo sentimento sa ridurti, e vezzeggio tre fottutissimi gatti coi loro nomi assurdi e le loro abitudini prepotenti.

Vado a dormire e se i miei gatti sono già a letto (e visto che essendo gatti non hanno mai un cazzo da fare sono quasi sempre già a letto) devo badare bene a non modificare la loro posizione di un centimetro, a ciambella in inverno, a quattro di bastoni d’estate. Perché disturbarli, poveri carotini miei adorati?!

Quindi, in quanto gattara, mi infilo a letto con discrezione e assumo una posizione che potrebbe somigliare a quella che hanno certi geroglifici egiziani, quelle raffigurazioni degli schiavi che ballano facendo figure geometriche spigolose e scomode.

Se mi trovo davanti al computer sono i miei gatti a scegliere quante ore posso dedicare al lavoro anziché a loro e così come accadde per la stesura della tesi, i miei miserabili padroni non appena sentono il tamburellio delle mie dita sui tasti, calano dai divani, scendono dai comò e piombano a sedersi sulla calda tastiera, con il loro odioso muso che guarda lo schermo e la zampetta destra che digita pppppfjgksaldjpeojfdpoòcòzxdp sul mio foglio di lavoro.

Con queste riflessioni penserete che sia sciocca ad ammettere ora quanto sia fiera e felice di essere gattara.

Invece vi dico: adottate un gatto, due, tre, ma fatelo. Oggi stesso.

Vi possiederà ma lo farà in silenzio e per meno anni di qualsiasi essere umano.

Comandante supremo Sophio.