L’ORGANISTA MARZULLIANO

BRANDED PARODY CONTENT, LE FIGURINE, SINFONIE

Si sa che i musicisti, da sempre, sono fichissimi.

E’ un dato di fatto che sembra quasi far parte del nostro bagaglio genetico.

Fin dai tempi di Mozart ma anche prima, i musicisti hanno sempre fatto innamorare o, quantomeno, hanno un fascino che li salvaguarda dalla notte dei tempi.

Se nasci brutto, sei fottuto.

Se nasci brutto ma musicista comunque te la cavi, Dio è con te.

Se nasci brutto ma organista, la faccenda cambia.

Perché hai sempre Dio dalla tua parte ma nel senso che, a meno che tu non sia Ray Manzarek o Keith Emerson, suoni solo in parrocchia.

E sei fottuto.

Abbiate pazienza se lo dico in questo contesto ma nell’immaginario collettivo infatti, l’organista è un anziano coi sandali da missionario dei Passionisti ed i calzini di spugna che vi traboccano tra le stringhe e poi gli occhiali di Marzullo, la capigliatura di Marzullo, il piglio simpatico e scaltro di Marzullo ma senza il suo conto in banca.

Invece ancora, prepotentemente la Lacoste color carta da zucchero, da missionario.

In sintesi, l’organista maschio è un missionario marzulliano.

Se invece sei organista ma donna sei la copia sputata di Susanna Agnelli ma sempre senza il suo conto in banca.

In entrambi i casi, comunque parliamo di soggetti che fanno un mix di pena e timore ma non certo erotismo.

L’organista, nell’immaginario collettivo ha meno fascino di quello che suona il trombone e, quando ho ricevuto l’invito a questo festival ho subito pensato al personaggio dell’organista che, alla domenica suona in chiesa per i lupetti e durante la settima a trasporta bare o studia chimica.

In tutti questi casi (sia che trasporti bare, che sembri Marzullo o Susanna Agnelli o che, peggio mi sento, studi chimica) immagino un soggetto che difficilmente si possa calmare, fermare o disinnescare mentre sta suonando; non so perché.

Forse si tratta di una reminiscenza delle scuole dalle suore quando, durante le funzioni domenicali, l’organista era un laico posseduto dalle tastiere senza possibilità di domandare un pezzo a richiesta.

Quindi, per ricapitolare, organista: non solo sfigato ma rompicoglioni ai limiti del pericoloso.

Questo, non so se sia l’immaginario collettivo ma senza dubbio era il mio di immaginario.

Fino a quando, un giorno, non ho visto lui:

Ho visto questo ragazzo che mescola, dentro di me, tantissime sensazioni quasi quante i suoi stili.

Lo guardo e vedo contemporaneamente un folletto di Tolkien, un raver di Colonia strafatto di chetamina, uno stilista giapponese l’ossessione per la sperimentazione, un anemico, il cantante dei Vernice, un Righeira con lo stesso parrucchiere di Brachetti e molto altro ancora.

Eppure grazie a lui ho capito cosa significhi suonare sei tastiere per volta, con più di quattrocento registri usando nello istante mani e piedi ma soprattutto ho capito cosa significhi fare tutto ciò sentendosi fichissimi persino indossando gli stivaletti che userebbe Robin Hood se decidesse di entrare nella nuova formazione dei Sex Pistols.

L’organista, se concepito con le sembianze di questo mio nuovo punto di riferimento che è Carpenter, è una figura che ha tanto da insegnare a chi è sfigato senza possibilità di riscatto.

L’organista, visto così, ci insegna che c’è sempre una possibilità per far valere il proprio stile (anche quando improbabile) e la propria personalità attraverso la conquista del mondo mediante i propri talenti.

Un talento, quello degli organisti, indiscutibile altrimenti Carpenter sarebbe in gattabuia insieme a Marzullo che, visto il discorso sui talenti, risulta essere, a questo punto, davvero fuori contesto.

Fuori registro, come direste voi.

Ma non fuori tema, visto che parliamo di organi e lui sopravvive grazie agli organi di Stato.

 

Pezzo scritto con amore per il Festival Organistico dell’Isola di Salina:

UNDA MARIS

LA PROFESSIONE

COSE FASTIDIOSE, PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE, SINFONIE

Analogie messianiche fra sacerdote ed agente immobiliare

E’ tempo che si scriva qualcosa di definitivo, non offensivo ma definitivo, sugli agenti immobiliari.

Nessuna professione è riuscita, negli anni, a causare una vera e propria metamorfosi seriale in chi, appunto, la professa.

Esistono lavori anonimi e persone che trattano il proprio lavoro come un metodo sterile per accumulare denaro da spendere nel tempo libero e poi esistono le professioni che inglobano la vita degli individui che riescono ad appassionarsi alle proprie mansioni retribuite.

Nessuna professione si professa, a parte il prete e l’agente immobiliare.

E, in effetti, questi due mestieri bizzarri e divertenti contengono svariate analogie: sacerdote ed agente immobiliare hanno un’uniforme, una divisa che consente l’immediata identificazione del loro ruolo, in società.

Il sacerdote cambia divisa in base ai paramenti previsti dalla liturgia, l’agente immobiliare modifica semplicemente i tessuti, in base alla stagione, mantenendo però invariata la propria, inconfondibile livrea: mocassino con la punta a bara o con nappine in cuoio, pantalone pinocchietto di Oviesse o gessato elegante (evidente ossimoro), camicia o polo dai colori improbabili ove il termine improbabile serve a sostituire terminologie meno eleganti.

La camicia ha il bottom-down o lo stemma di evidente contraffazione ma non riesce a nascondere sotto i propri polsini, duri e friabili come il cartongesso, il gigantesco, monumentale orologio Fossil in acciaio cromato, in grado di aggiungere otto chili in più al peso dell agente immobiliare che lo indossa.

Il total- look implode con l’immancabile catenina bagnata d’oro al collo, un abbronzatura posticcia acquistata in uno dei tanti negozi che offrono il servizio “Julio Iglesias in sole quattro sedute” e gelatina a dozzine, a cementificare la capigliatura.

Come vedete, siamo partiti dal sacerdote e velocemente arrivati ad una creatura che ha bisogno della benedizione del sacerdote.

L’agente immobiliare si sforza di utilizzare tutti i poteri esoterici in suo possesso, contratti durante il periodo di formazione in agenzia, per vendervi una casa e, in un certo senso, anche il sacerdote ha questa aspirazione volendovi vendere la casa del proprio Padre attraverso una specie di contratto, a metà strada tra la nuda proprietà e la multiproprietà.

Durante il loro orario di lavoro, sia sacerdote che agente immobiliare non parlano italiano corrente: il primo esibisce latinismi difficili da comprendere oppure tematiche evanescenti che possono esser facilmente confuse con le saghe di Tolkien; il secondo si lancia in una vertiginosa selezione di termini desueti che giammai vengono utilizzati nei colloqui contemporanei come locazione, terra-cielo (usato anche dal sacerdote), disimpegno e, persino proprietà, parola pericolosa, sacrilega, ai limiti della scomunica, se pronunciata in Italia, di questi tempi.

Agente immobiliare e prete raccontano la loro verità condendola con frizzanti elucubrazioni personali volte a vendere il proprio prodotto a qualunque costo, non perché siano degli impostori ma perché il loro mestiere rappresenta anche la loro missione, la loro unica fede, l’uno alla Parrocchia di San Giovanni, l’altro davanti all’immobile da ristrutturare del geometra Scappelli, con la spilletta di Progetto Casa, al petto.

Mi domando, con non poco timore, cosa potrebbe succedere nel caso in cui il parroco di San Giovanni si trovasse a dover contattare l’agente di Progetto Casa per vendere uno dei numerosi immobili a sua disposizione: ne nascerebbe una nuova religione? Nascerebbe l’ennesima agenzia immobiliare dedicata ai beni vaticani oppure un centro di accoglienza e sostegno a persone con pesanti problematiche nell’uso dei congiuntivi come gli agenti immobiliari, a volte sono.

L’unica speranza, nel caso, è che il parroco sia ben fornito di acqua santa, per far fronte all’immensa camicia di merda che si troverà davanti.