CONCERTO

COSE FASTIDIOSE, PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Non andrò più ai concerti.

Che ci vado a fare?! A perder tempo e soldi.

Non comprerò più il biglietto di un concerto, risparmio e mi sento meglio.

Il concerto poi, me lo vedo in dvd, in rete, me lo immagino nella mia triste cameretta ma almeno, non me lo vedrò mai più dagli schermi degli stronzi che passano l’ora del concerto a fare video, con le loro braccettine anchilosate, a formicolare nell’aria sorreggendo lo smartphone.

Poi ai concerti mi devasto i timpani e l’umore.

I timpani, perché il volume proposto dagli impianti audio dei concerti, dovrebbe essere illegale ma non si può dire, perché ai concerti, se ti allontani dalle casse urlando, sei uno sfigato.

Ai concerti, quando capiti sotto le casse, devi fare si con la testa e socchiudere gli occhi.

Ai concerti comprometto anche il mio buonumore perché passo il tempo a guardarmi intorno, nel buio, cercando di individuare i potenziali responsabili di un attentato.

Che c’è di male?! Me l’ha insegnato il tg.

Se sono troppo vicina al il furgoncino dei panini, avrò l’ansia per tutto il concerto perché in quei furgoncini lì, spesso, ci lavorano gli arabi e allora, tu capisci, chi me lo fa fare?! Me ne sto a casa.

Non ci vado ai concerti; tanto, sempre più gente si vergogna di ballare.

La gente figa non balla ma agita il suo drink tra le mani e saltella sul posto, fingendosi annoiata e con la reattività di un dispenser di morfina.

Ormai pare che ballare costi fatica: non bisogna spettinarsi, scuotersi troppo in mosse scomposte, perché fa brutto.

Bisogna sempre far si con la testa e socchiudere gli occhi, così non vedi un cazzo e capiti sotto alle casse, ma sai già come comportarti.

Si vergogna a ballare, la gente.

Non si vergogna di indossare i mocassini lucidi con sotto i fantasmini ma ballare, Dio, che vergogna!

Non andrò più ai concerti.

Mi deprime fare la fila, con la faccia schiacciata sulle giacche di pelle di sconosciuti e mi secca incrociare le facce di quelli che ti guardano come per dire “Ehh, forte sto gruppo, eh?!”, cercando approvazione ed eventualmente ripescandoti poi tra la folla, per abbracciarti quando fanno il pezzo lento.

Non andrò più ai concerti, per cercare l’accendino nelle tasche per venti minuti, finché non finisce il pezzo in cui bisogna tirarlo fuori e, anche trovandolo,  finirei a rosolarmi il pollice o a rompermi le ossa, a furia di tenere premuto il fottuto bottone automatico.

Non ci vado più ai concerti, per ritrovarmi a scivolare sulle bottiglie delle birre e a cadere di nuca sul liquame che fa da tappeto, ai pavimenti dei palazzetti o, peggio, per finire in tribuna d’onore coi calciatori e i loro figli con la gelatina sui capelli.

Si fottessero i concerti e le file riservati a quelli che hanno acquistato online, che si trovano dall’altra parte del foyer ma te lo dicono solo quando arrivi alla fine della fila degli accrediti stampa; e ti dicono che dovrai rifare la fila ma intanto il concerto inizia e i bagarini si fanno sempre più insistenti, e quando sei quasi arrivato al vetro del botteghino, loro, i bagarini, il biglietto te lo mettono nelle tasche e iniziano a gridarti prezzi da capogiro sul collo, per cui tu, ad un certo punto, sei obbligato a dare ascolto ad un disperato che ti sta vendendo il biglietto al costo di stampa perché è competitivo, cazzo, ma sei pur sempre davanti all’impiegata del concerto e non è carino e neanche legale mettersi a contrattare il biglietto lì, davanti al botteghino, allora ti scosti dalla fila e perdi la priorità acquisita per metterti a contrattare con un tizio che ha la faccia da ricercato per avere un biglietto pur di non dover rifare la fila, per pigliarti il tuo di biglietto e perderti metà concerto.

Allora acquisti. Acquisti un biglietto che ti farà stringere il culo all’ingresso, allo strappo, quando i ragazzi della sicurezza ti riconosceranno, perché ti hanno visto laggiù, a fare il bazar col bagarino e allora giù, di umiliazione pubblica, per poi riuscire ad entrare ed accorgerti che sono già tutti dentro, accalcati sottopalco e che da quaggiù non si vede una mazza ma non c’è un buco libero più vicino.

Cioè, in realtà ci sarebbe, ma è vicino alle casse.

TU E LA ROCKSTAR

COSE FASTIDIOSE
Celebrities as Neoclassical Paintings, George Dawe

Celebrities as Neoclassical Paintings, George Dawe

Scorrendo la graduatoria delle categorie più influenti al mondo, sullo scalino subito dopo Dio e la Mamma, lì si trova la Rockstar.
La Rock-star si venera, non si discute.
Ed effettivamente non mi ci metterei a discutere con uno dei Kiss.
E Mick Jagger quando lo vedi in un live con dietro i suoi compagni che cadono a pezzi (il batterista sembra uno di quei soldatini giocattolo inglesi a carica!) mentre lui si muove come Diaghilev, ti viene davvero voglia di venerarlo.
Comunque la scelta di dare autorità ad un artista che produce musica per comunicare, mi pare felice.
E anche dal punto di vista professionale, il mestiere della rockstar conviene per molti buoni motivi.
Tralasciando la banale faccenda del conto in banca e quella forse meno banale di fare un lavoro che si ama, direi che il mestiere della Rockstar è invidiabile sotto tanti punti di vista: vantaggi di tipo estetico, morale e comportamentale irraggiungibili per soggetti normali e sfigati come noi.

Vediamo insieme alcuni di questi vantaggi che la rockstar può avere, a differenza mia e tua.

 

La Rockstar può:

•    usare la stessa maglietta per settimane
•    morire in una vasca da bagno con un completo elegante diventando così una leggenda. Mentre tu se lo fai, sei un coglione, un disadattato.
•    fracassare camere d’albergo insieme agli amici che tanto poi passa il manager a pagare.
•    vomitare o fare pipì senza dover per forza trovare un posto discreto e appartato per farlo.
•    farsi un taglio di capelli normalmente punibile per legge, un taglio come quello dei Righeira. Che, effettivamente sono stati puniti dalla legge in aeroporto, tornando da Ibiza, con le pasticche nei loro pantaloni alla turca.

  •  Una rockstar può uscire con una, due, quattro, quindici modelle contemporaneamente senza che nessuna di loro si offenda o sia gelosa.
    •    avere gli occhiali scuri in qualsiasi situazione senza risultare patetico.
    •    guidare ubriaco.
  • essere figo anche nelle foto del commissariato al momento dell’arresto, qualora si venga arrestati per guida in stato di ebbrezza.
    •    indossare abiti dal gusto ripugnante e non avere accanto una sola persona che abbia il coraggio di dirglielo.

Infatti Elton John sono 60 anni che si veste come una pappagallina Cacatua.
•    cantare strafatto come Vasco Rossi ai tempi di Alba Chiara ed essere comunque amato dalle mamme.
•    firmare autografi sui sederi delle ragazze e rifiutarsi di farlo sui sederi dei ragazzi o viceversa
•    vedere gente che indossa t-shirt con la sua faccia mentre fa un dito medio
•    sapere che quando morirà venderanno all’asta anche le sue mutande
•    sposarsi e divorziare come fosse un hobby alternativo al burraco o al giardinaggio
•    urlare al microfono stronzate come “mi sentiteee?!!”, tanto il pubblico grida e gode lo stesso
•    dare ai figli nomi irragionevoli e ridicoli, come Pixie o Giagarta, tanto essendo figli di una rockstar da grandi faranno le modelle o gli stilisti.
•    nutrirsi solo di bibite di Starbucks
•   una rockstar può rilasciare interviste che vengono diffuse con lo stesso peso mediatico di un discorso presidenziale.
•    produrre brani che abbiano un solo accordo e nel videoclip far finta di sbranare la chitarra con le gengive.
•    produrre brani che abbiano un solo accordo e a fine concerto spaccare comunque la chitarra, anche se l’hai usata solo per un accordo.
•    incontrare il Dalai Lama, la Regina d’Inghilterra, il Papa e Nelson Mandela, anche se è morto.
•    far salire la mamma sul palco
•    mangiare pipistrelli senza essere linciato dai vegetariani
•    scrivere poesie e avere qualcuno che le legga e che ci faccia le magliette.
•    farsi tradurre i propri pezzi in spagnolo e non vergognarsi a cantarli
•    morire giovane e aver fatturato il triplo di quello che fattureresti tu in sei vite

Bene. Ora sai che, quando ti chiederanno cosa vorresti essere nella prossima vita, rispondere “una farfalla o me stesso, sto benissimo così”, è una cazzata. Devi dire “La Rock Star o al massimo il pappagallino Cacatua di Elton John.”

 

PS. Avere un dipinto ad olio di George Dawe con il tuo muso:

http://www.fubiz.net/2014/02/27/celebrities-as-neoclassical-paintings/