IL CIGNO MARRONE ossia NON SONO FATTA PER IL MUSICAL

COSE FASTIDIOSE

Audizioni che passione. Nel senso di Via Crucis.Non capisco perché mi ostino ad andare ai provini dei musicals.
Io e il musical non ci piacciamo, punto.
E’ una reciproca antipatia e così confermo anche stavolta il mio vizio di non fare molta selezione e frequentare anche gli amici che mi stanno sulle palle così, per pigrizia.
E a causa di questa stessa pigrizia evito di dichiarare la mia antipatia al musical e mi preparo meglio che posso per il provino.
Chiamo l’amico coreografo che mi mette sulle punte.
Vado a pranzo dall’amica soprano che prima del risotto mi titilla la gola.
Poi passo dall’amica con la sartoria teatrale (Ci tengo a sottolineare che in questo caso gli amici che mi aiutano mi sono tutti simpatici) le rubo il vestito che affittarono per Liz Taylor nel ’62 e mi chiudo in casa per giorni dichiarando che ho un’audizione.
Poi due giorni prima smetto di prepararmi per riposare, mi piglio il biglietto dell’aereo se l’audizione non è nella mia città, per arrivare la sera prima ed essere la mattina dell’audizione fresca, pulita e rilassata.
La mattina però, mi sveglio di cattivissimo umore senza capire il perché.
La sera prima come al solito non rispetto i canoni artistici di purezza e mi ubriaco con gli amici, così oltre al cattivo umore ho anche la faccia gonfia come Goodman.
Poi faccio di tutto per arrivare in ritardo, tergiverso sul caffè, guardo l’orologio, vedo che manca un quarto d’ora ma tanto in metro ci metto poco allora quasi quasi mi taglio anche le unghie dei piedi, anche perché nell’ansia ho comprato le scarpette (che userò solo per questo strafottuto provino) di un numero più piccole del mio quindi con le unghie corte è meglio.
Quando mi decido ad uscire ho fatto tardi e quindi l’ansia il cattivo alito e il faccione della serata  mi possiedono.
Arrivo al Teatro Nazionale o dove mi convocano e anziché trovare lo splendore notturno trovo solo il bar aperto pieno di tramezzini disgustosi e in fondo al foyer una ragazza trendy piegata sul suo smartphone che dopo avermi guardata dalla testa ai piedi con il sottotitolo “fai cagare, non ho idea del motivo per cui ti abbiano selezionata gli idioti dei miei colleghi”, mi consegna 15 liberatorie tutte diverse da firmare in 30 secondi perché nel frattempo dietro di me sono arrivati altri e sono in ritardo.
Sono liberatorie dove consegno i miei diritti al 100% e con scadenza imperitura alla produzione.
Con la mia immagine potranno farci, nell’improbabile caso ne abbiano voglia, poster, adesivi, documentari, teaser, tende per la doccia, suole per mocassini etc.
E io firmo eh.
Anzi tutti firmano.
Perché ormai sei lì, che fai? Inizi a sindacare ancora prima di essere selezionata?!
Così poi sei quella antipatica e per tutta la tua prova quelli della produzione, il regista, la costumista e lo scenografo  ti guarderanno a braccia conserte su chissà che fila della platea, dicendosi tra loro “Si bravina, ma è quella che rompeva i coglioni sulle liberatorie”.
Insomma, firmo.
Dopodichè il nulla.
Nessuno mi dice dove posso prepararmi o dove posare la borsa, se mi chiameranno loro o ad un certo punto dovrò irrompere sul palco facendo una spaccata e urlando nome, cognome età e altezza.
Dopo 20 minuti di indagine giù per gli scantinati del teatro inciampando su cornici, scenografie, pestando specchi e copioni, io e le mie 7 borse
riusciamo a trovare un discretissimo cartellino su una porta di 2 tonnellate che all’interno nasconde il 70% dei motivi per i quali non parteciperò mai più ad un provino di un musical.
Stipati in una sala tutta specchi e barre ci sono almeno 80 giovani sotto i 25 anni, tra attori, ballerini e cantanti.
Ciascun artista gorgheggia, si piega a scatoletta thailandese, fa smorfie di riscaldamento facciale spaventosissime, tutto rigorosamente facendo finta di non curarsi del collega al suo fianco.
La noncuranza è solo apparente però.
In realtà in questa sala si respira odio, si respira nel senso che è talmente forte che sembra avere un odore: quello di calzini e di sudore, di gloss per le labbra e gelatina per capelli.
E’ come se prima della finale dei mondiali di rugby le squadre si riscaldassero tutte insieme nello stesso ambiente.
I rugbisti però sarebbero più alla mano.
Qui ti linciano con lo sguardo, uno contro l’altro in una rissa immaginaria senza muscoli ma con unghie, tacchi e leggings.
La maggioranza omosessuale è impressionante.
Non darebbe sui nervi se non fosse urlata, sbraitata, scalciata e sbattuta per tutta la sala.
Perché per prendere un lavoro devo sopportare tutta questa esibizione della personalità e dell’orientamento sessuale di miei ipotetici colleghi?
Me ne vado.
No.
Ho sopportato una spesa di quasi 300 euro tra costumi, biglietti aerei e parrucchiere.
Ho portato fiori all’amica cantante, birra artigianale all’amico coreografo e ho passato ore dei miei ultimi 15 pomeriggi a cantare canzoni idiote allo specchio, con le mani svolazzanti allenando il mio sguardo ad essere il più possibile amicone e coinvolgente, cosa che vi assicuro, richiede una certa preparazione, provateci a casa.
Quindi mi intestardisco e aspetto il mio turno, prendendomi la giusta dose di pedate, di spaccate sopra la mia borsa e di “Amooree” ogni volta che entra qualcuno che si conosce con uno dei presenti.
Dopo 5 ore di attesa quel che resta di me è davvero poco competitivo.
Cerco di ricostruire il mio trucco squagliato, tengo sospesi i piedi insaccati nelle scarpette 38, che stanno esplodendo così come sta per esplodere la cerniera del vestitino di Liz Taylor, per il quale la mia amica costumista che si è tanto raccomandata, ma io non potevo prevedere che le scarpette mi avrebbero causato seri problemi di circolazione.
La giuria è composta da dieci signori under 50 vestiti come gli amici di Maria De Filippi, solo più vanitosi e con le rughe e la pelle morta sotto le ascelle.
Dei 3 monologhi, 5 pezzi musicali e 2 coreografie che abbiamo studiato e ripetuto per settimane, ora siccome è pomeriggio e “guarda non ce la faccio proooooprio più”, vogliono vedere solo 30 secondi del brano più ridicolo e il mio dialogo, che prevede l’interazione con una ragazza, viene violato dal regista, uomo peloso, che si offre di darmi le battute della fanciulla interpretandole con un farsetto femminile che dovrebbero accompagnarlo immediatamente fuori dal teatro.
E invece fuori dal teatro ci accompagnano me.
Dicendo che gli spiace tanto, che è la parte più difficile del lavoro ma anche se hai scritto che sei attrice e non cantanteballerinacoreografatruccatricecostumistattrice abbiamo bisogno di un profilo più versatile.
“Così in realtà abbiamo convocato anche attori ma siamo più interessati a ballerini e cantanti”
E viceversa se un ballerino fa loro cagare, gli dicono che cercano attori diplomati.
E al cantante che hanno bisogno di ballerini che mentre cantano facciano anche la verticale senza che però il sangue vada al cervello, perché la faccia rossa è poco teatrale.
Perché non dire semplicemente “Ci fai schifo ma magari per altri lavori funzionerai?”
Mi chiedo poi, perché se mi offrono anche in regalo un biglietto per un musical preferisco in genere stare a casa a spolverare le mensole e invece mi ostino ad andare ai provini dei fottuti musicals?!

SINFONIA DELLA CADUTA

SINFONIE

Credo fortemente nella potenza che ha in sé, la caduta o la scivolata a terra di un qualsiasi individuo.

Una potenza di salvezza e guarigione per l’ intera umanità, fino ad ora molto sottovalutata.

Vedere un signore che chattava col suo blackberry, sbattere le ginocchia sulle scale della metropolitana o una ragazza stilosa perdere l’equilibrio sui tacchi e andare di mento contro il selciato, è un’ esperienza di piacere simile al senso di liberazione che si prova in un giorno di sole, dopo che hai lasciato il lavoro che ti ha rovinato la vita.

La figura di merda altrui ci salverà.

Cadere in pubblico ti costringe a tornare alla primordiale semplicità di essere umano.

Cadono i politici più potenti della terra e le top models.

Cade Anna Wintour ( o ci auguriamo che lo faccia presto ) all’ingresso di una sfilata in via Tortona, e per un attimo ti accorgi che anche lei è una piccola creatura aggrappata alla vita.

Cade il leader del gruppo rock, la prima volta che prova a fare il tuffo nella folla.

Cadono quelli che si sentono invincibili e scivolano le spose perfette, anche dopo una settimana di prove vestito.

La serie di gesti scomposti di chi sta per cadere, le espressioni di chi sa che sta per fracassarsi su un angolo del marciapiede preso male con la bicicletta, donano a chi sta guardando, un improvviso senso di onnipotenza e di benessere, che non ha paragone con nessun altro piacere esistente sulla faccia della terra.

Iniziamo con le fasi.

Vi è qualcosa di sublime nella particolarissima danza che improvvisa la creatura che sta per cadere.

Si solleva da terra con gesti scomposti e disarticola tutti i suoi arti in spirali e scalciate in aria.

Roba che non si è mai vista neanche nello spettacolo di danza contemporanea più d’avanguardia.

Questa è la “fase inaspettata”.

Poi c’è la “fase del salvabile”.

La creatura cerca di recuperare dignità, equilibrio e tutti gli oggetti che stanno uscendo da tasche e borse a velocità supersonica.

Tutto questo accaparrare fogli e telefonini, questa ricerca feroce di qualsiasi appiglio che salvi dalla figura di merda, avviene quando la creatura è ancora sospesa in aria.

Se ci si salva perché c’è un corrimano o qualsiasi altro appiglio, il miracolato avrà rovinato la giornata a tante persone, deluse dal lieto fine della faccenda.

In questo caso vi è una particolare espressione, che il miracolato assume, a metà strada tra il “Mi sono salvato il culo” e “Sono fiero di te, ragazzo”.

Nel caso invece in cui non ci sia nulla da fare (l’impossibilità di salvarsi si realizza in genere, mentre si è sospesi in aria)ci si abbandona alla propria rassegnazione lanciando un ultimo piccolo “oooooh” molto chic.

Un vagito che significa “Si, sto cadendo ragazzi ma la prenderò con stile, perché sono uno ganzo”.

Ecco che arriva la fase centrale “la Caduta”, una fase piena di variabili, legate alla situazione, alla causa, alla stazza della creatura che cade e agli oggetti che porta con sè.

Qualche esempio :

Se cade una vecchietta purtroppo il costume sociale ha castrato il sentimento di ilarità di tanta gente, a favore di una espressione assolutamente finta di preoccupazione e premura.

“Si è fatta male signora?!”

Se c’è il volo della scarpa in avanti o indietro rispetto al punto dove si cade, la sensazione che prova chi guarda, supera i livelli di benessere mai percepiti.

Se poi prendiamo in considerazione le occasioni speciali, le cene aziendali o i ricevimenti importanti, dove l’apparenza e il risalto della propria personalità sono gli obiettivi della serata, la caduta raggiunge il suo grado massimo di mezzo di salvezza sociale.

La Signora Baronessa con il suo abito lungo si alza con enfasi dal tavolo per salutare il Ministro.

Sfortunatamente il tacco le rimane infilato nella lunga tovaglia di lino e lei, spiaccicandosi sulla moquette a pochi cm dalle stringate del ministro,  pur sorridendo e dicendo a tutti “non mi son fatta niente, ahahahah, caspita che capitombolo!!” per il resto della serata avrà tra i suoi pensieri una scritta al neon che scorre, con frasi tipo: “la mia acconciatura è andata a farsi fottere/ mi viene da piangere, ho una spalla bloccata/ speriamo che nessuno si accorga dello strappo in fondo alla gonna, mondo demonio”.

Però è la Baronessa grazie alla caduta è salva, almeno per una sera, dalla sua individualità.

A proposito della frase della Baronessa, “Non è successo niente” è proprio la denominazione dell’ ultima fase che trattiamo.

Ricomporsi, cercare disperatamente di darsi un tono è un comportamento che fa tenerezza e suscita simpatia.

La creatura si sistema il vestito, cerca tutti i pezzi del cellulare sparsi per lo spazio e si tocca il gomito stringendo i denti, sorridendo a tutti come se quello stronzo caduto poco fa non fosse lui.

La caduta in bicicletta della francese che frena solo con il freno di sinistra della sua bicicletta da passeggio bianca, perché con la mano destra sta tenendosi il cappellino di paglia, che fa tanto Brigitte Bardot , prende velocità su una ruota sola e si fracassa contro la vetrina di un negozio.

Il presentatore di 78 anni che sale le scale del palcoscenico come se fosse il presentatore di 21 anni e saltellando, sentendo la situazione chiusa nel suo pugno, s’ inginocchia sull’ultimo scalino, con il rumore delle sue rotule che vanno in mille pezzi, che risuona nel microfono.

Il giovane manager che, mentre le porte della metro si stanno chiudendo, la prende sul personale, come una sfida al raggiungimento degli obiettivi aziendali e si lancia in una corsa feroce, come ai tempi del rugby, e invece lui, il suo completo Calvin Klein e il suo Ipad si appiccicano come gli stickers di Natale sulle porte del lato opposto della metropolitana, fortunatamente chiuse.

Sarebbe stato meglio perdere la metro, Paul.

Adesso ti fai 14 fermate con tutti gli occhi addosso a te, al tuo Ipad col vetro scoppiato e alla bruciatura sul pantalone.

Manco fossi un rugbysta.

Questi sono solo alcuni esempi di avvenimenti che possono rendere la giornata di chi vi vede cadere, una giornata per cui vale la pena vivere.

Cadi saltando una staccionata e torna ad essere mortale.

Inciampa sul pattino di tuo figlio e regala un sorriso a tua moglie.

Prendi di pancia a 25km/h  il tornello che non si apre quando strisci la tessera dei mezzi pubblici e ascolta il sapore dell’umiltà.

La tua ballerina con la suola liscia che ruota in aria mentre tu sei a nuca sull’asfalto, regalerà momenti indimenticabili e guarirà molti dalla tristezza esistenziale.

 

Cadere è bello. Veder cadere è meraviglioso.