GESTO CORAGGIOSO N°5

PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE, SINFONIE

Devo trovare il coraggio.

Devo farmi forza.

Devo concentrare tutte le energie che mi restano e dire a tutti che io quel film lì, quello che ha vinto l’Oscar e di cui parlano tutti non l’ho mai visto.

Devo raccogliere le forze e dire al mondo che non ho mai letto Shantaram o l’Eleganza del riccio o quel libro che ha vinto un sacco di premi e “Porca puttana ma che non lo conosci, ma dove vivi?!”

La prossima volta che mi siedo a cena con gli amici giuro che lo dico che non m’intendo un cazzo di vini biodinamici anziché guardare la carta dei vini con pollice e indice sotto il mento.

Non si può continuare così.

Mi vergogno.

Mi vergogno tanto ma non si può continuare così e devo dirlo.

E’ una sfida che ho con me stessa, ormai.

Lo dirò a tutti che quel gruppo lì che non mi ricordo come si chiama, quella band californiana che fa cross-over elettronico d’avanguardia e che tutti andranno a sentire a Los Angeles a Ottobre, io non l’ho mai sentita nominare.

E quando mi faranno ascoltare un loro pezzo, lo dirò senza indugi se mi ha fatto cagare.

E con l’occasione se mi girano, dirò che non ho sentito neanche l’ultimo album dei Radiohead, d’accordo?!

Io scoppio, non ce la faccio più ma devo dirlo: ignoro chi abbia vinto X-Factor quest’anno e Master-chef mi repelle.

Avrò il perdono degli amici?!

C’è qualcosa di molto rischioso che devo trovare il coraggio di ammettere al pianeta.

Qualcosa per cui tutti al vernissage di martedì mi schiferanno: io di arte contemporanea non c’ho mai capito un cazzo di niente.

E se non riuscirò più a controllarmi dirò a tutti che Marina Abramovich alle volte mi fa cadere gli zigomi.

E a proposito di arte, dovrò ammettere anche che si, è capitato anche quello.

E’ successo che sono andata a teatro e ho avuto tanta ma tanta voglia di gridare “Rivoglio i soldi del biglietto! Non ho capito un cazzo, che c’è troppa introspezione. Che va bene eh, ci sta nel teatro contemporaneo ma così è troppo!”

Può succedere, non c’è niente di male.

E’ mio diritto, sono il pubblico.

O no?!

Visto che sono in vena devo confessarvi anche questo altrimenti mi viene un brutto mal di stomaco: non ho mai fatto spinning in vita mia.

Poi: non so cosa penserà la gente di me però è giusto che tutti sappiano che il sushi non è mi ha mai fatto impazzire.

E la musica chill-out che mettono in certi posti a Ibiza mi ha sempre fatto orrore come anche l’applauso che fanno al tramonto.

Devo trovare il coraggio di dirlo.

Devo aprire il mio cuore e dire a quello che mi piace che non ho mai visto una serie americana e che Netflix per me potrebbe essere tranquillamente un adesivo per dentiere.

E che il vodka-tonic è una porcheria!

Voglio essere libera di dire a tutti che una volta ho messo il like sulla pagina di Tiziano Ferro ma poi l’ho subito tolto per paura di ritorsioni dei miei amici che ascoltano solo LCD Sound System, i Royskopp, gli Striztnich.

Mi sento già sola come un cane al pensiero di doverlo fare ma devo trovare la forza di ammettere al mondo tutto che anche se non faccio yoga e pilates, sto benissimo.

E, a proposito di benessere, l’ultimo film di Tarantino mi ha fatto star male con lo stomaco nonostante la sua incredibile fotografia.

Prenderò fiato e dirò che non mi è necessaria nessuna delle cose che dovrei apprezzare per forza.

Nessuna di quelle cose che “Ma dove vivi?!”, “Ma dici sul serio? Davvero non lo conosci/non lo hai mai visto/mai sentito parlare?”

Devo trovare la forza di ammettere che non faccio parte della maggioranza che compone l’opposizione.

Lo farò, eccome se lo farò.

Guarda il video di questo pezzo:

 

L’ ABITUDINE ALLA PERVERSIONE

COSE FASTIDIOSE

Perché ci stiamo abituando alla moda della perversione?

Ormai più fai quello strano, perverso, underground e fetish, più sei fico.

Esiste chi, venendo a sapere che la perversione in questa epoca rende fighissimi, finisce per vendersi le proprie unghie in Corea, vestirsi come Cindy Lauper o mangiare la merda.

Esiste una categoria di gente detestabile che dice:

“Ah guarda, io sono uno liberal: siamo nel III millennio.

Per me puoi fare quello che vuoi, l’importante è che non fai male a nessuno”.

A parte il fatto che se mangi la merda fai del male a qualcuno, prima di tutto a te stesso: te lo insegnano da piccolo.

Ti dicono “No! Questo cacca!”, non è che ti dicono “No! Questo gianduiotto!”

Ti puoi sbagliare una volta a causa della consistenza simile ma poi al primo assaggio, non ti fregano più.

Poi mangiare merda fa male anche dal punto di vista sociale, nel rapporto con gli altri: se io ho la perversione di mangiare merda, poi vengo da te mi avvicino e ti chiedo una informazione o magari ti bacio, non è bello.

Io non sposerei mai uno col vizio di mangiar la merda.

Già l’alito del mattino è fastidioso.

Piuttosto sposo un vigile urbano, e sono romana quindi il sacrificio è alla pari.

Questo panegirico volgare per ricordare quanto sia importante la libertà di espressione ma anche la priorità di non perdere di vista ciò che è vero e soprattutto quella di dare i nomi giusti alle cose.

E parlare chiaro.

Perché il rischio è che la perversione diventi cosa, non solo normale ma addirittura trendy, è ormai certezza.

“Trendy” è una parola che detesto nominare, figuriamoci scrivere.

Una parola più sgradevole di Equitalia, una parola che sta bene solo sulla bocca di Paris Hilton.

Eppure in questo contesto mi è utile perché ci sono dei mezzi di comunicazione che vorrei eliminare con un po’ di cara, vecchia censura, che si servono e abusano proprio di questo iniquo termine.

Prendete un giornale come Wired: uno di questi magazine che parlano di ultime tendenze, di arte contemporanea, di roba trendy.

Sono specializzati in avanguardie per gente davvero cool.

Tu apri Wired e, anziché leggere articoli, non dico di fisica quantistica ma almeno di cultura base, trovi servizi sull’ultima frontiera della trasgressione sessuale a Londra, tipo che “Adesso va di moda andare negli zoo di notte a incularsi i draghi di Komodo”.

E tu, se sei uno che cerca di essere accettato dalla società, beh ci vai davvero allo zoo, alla fine.

Prendi quella come ultima tendenza, pensi “Porca miseria, quanto sono antico, demodè, non sono mai andato a rettili…”

E invece no.

Bisogna continuare a dare i nomi giusti alle cose.

Ti piace affittare i nani alle feste e non quelli da giardino?

Fai pure, ma sei un pervertito, non sei trendy.

Ti piace fare scambismo, andare sui siti di gossip, far fare la carrozzeria della Smart color verde militare?

Sei libero. Ma anche un pervertito.

Peggio della gente in corsa per il trendy, c’è la gente che ci fa il business su questa ossessione del trendy, vendendo porcherie come necessarie, obbligatorie, per il nostro fascino.

Ci sono 3 città che lottano per contendersi il titolo di città più pervertita d’Europa: Amsterdam, Lugano e Voghera.

A Voghera ci sono dei negozi specializzati nella vendita di prodotti audiovisivi pornografici con anziani come protagonisti.

Ci sono delle persone che prima di prendere il treno delle 9:45, entrano in questi negozi e dicono “Si, salve ho visto in vetrina quel dvd Fa caldo al pensionato, quello da 14,90 euro, si.

E’ un regalo, me lo incarta?”

C’è da preoccuparsi se accettiamo qualsiasi cosa in nome della libertà di gusti e di espressione.

C’è da preoccuparsi se nella vostra città ci sono più sexy shop e slot machine che librerie e alimentari.

Perché vuol dire che siete a Voghera o che la vostra città si sta trasformando in una città come Voghera.

E poi, se spariscono gli alimentari e aumentano i sexy-shop e le slot machine: che ne sarà delle casalinghe?