PIAGHE

piaghe, PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Piaga
[pià-ga] s.f. (pl. -ghe)

  • 1 Lesione della cute o di una mucosa, con perdita di pus o di siero e difficoltà di cicatrizzazione; estens. ferita, lacerazione, taglio: avere le p. ai piedi, alle mani
  • 2 fig. Dolore dell’animo, pena, tormento || mettere il dito nella, sulla p., toccare un argomento delicato, che rinnova la sofferenza di qlcu.; anche, mostrare con chiarezza dove sta il nocciolo di un problema
  • 3 fig. Problema sociale grave e diffuso: la p. dell’alcolismo, della corruzione

per brochure

Da quando ho intrapreso il mio percorso di scrittura comica, l’intento è sempre stato sociale e mi fa ridere dirlo nei confronti di racconti umoristici, ma sentivo e sento l’urgenza missionaria di identificare e condannare abitudini, mode e tendenze di costume che stanno dissanguando il nostro libero arbitrio intellettuale, omologando la nostra identità e mortificando le poche altezze rimaste del genere umano.

Quando ho incontrato la biro partigiana e il lavoro che Steve Magnani porta avanti grazie ad essa, ho capito che il tempo storico per associarsi e dichiarare dissenso è ancora attualissimo e, per quanto riguarda gli artisti, anche doveroso e necessario, esattamente come accadde in tempi migliori, coi più noti movimenti artistici e letterari.

Quali sono le Piaghe della nostra epoca? I castighi che anzichè divini ora sono squisitamente auto-inflitti dall’uomo?

Sono piccole cose, niente di grave. O forse si.
Sono messaggi subliminali spacciati per avveniristici, pensieri morali che non puoi contraddire altrimenti sei bigotto.
Sono negozi dove sei ipnotizzato e telecomandato a comprare senza scelta personale, tendenze o professioni che l’universo ha decretato essere cool e tu non puoi dissentire.

Sono stili di vita ai quali, se vuoi essere accettato, non puoi sottrarti.
Queste tendenze inaridiscono, frustrano, immiseriscono il nostro genere e mentre il mondo le chiama, appunto, tendenze, io e Steve Magnani sentiamo una vocina nello stomaco che ci dice che no, che sono problemi sociali,  sono Piaghe.

Così è partita la nostra ricerca, uno studio delle piaghe contemporanee, una caccia alle streghe del nostro secolo scherzosa ma serissima perchè l’espediente della risata per dire qualcosa di importante sarà anche vecchio come il mondo ma è sempre performante.

Il termine “Piaghe” ha sapore biblico perciò anche i miei testi comici e le immagini di Steve hanno molte analogie con certe omelie protestanti.
E senza dubbio si tratta di protesta: una rivolta sociale, all’intrattenimento e ai suoi temi scritti per far dimenticare anzichè pensare.
La comicità oggi non sa più dove andare a pescare lo scandalo perchè il pubblico è abituato a tutto.

I cliches tipici del cabaret puzzano di muffa.
Gli stand-up comedian parlano di pompini, nani e assorbenti cercando negli occhi del parterre meraviglia e stupore.
Io e Steve pensiamo che la piaga contemporanea peggiore sia pensare che sia tutto lecito e che il cattivo gusto non esista.
Anche per questo siamo alla ricerca di eleganza espositiva, finezza nella proposta grafica esercizio di recupero grammaticale in un’epoca in cui scriviamo “perkè”, parolacce e soggetti spregevoli che si confondano con concetti moralmente elevati.

Rinunciamo a qualsiasi grido o altro espediente sguaiato, critichiamo le mode contemporanee utilizzate senza cognizione, abbiamo il desiderio erotico di proporre una comicità che non sappiamo bene se sia satira, stand-up comedy, cabaret o se necessiti di catalogazioni ma che senz’altro faccia nascere nel pubblico il sorriso di chi sta facendo funzionare a regime l’organo più affascinante che abbiamo: il cervello.

Piaghe è un contenitore con dentro un sacco di cose arrabbiate: un libro, uno spettacolo teatrale, un canale di contenuti video con cui porteremo avanti la nostra ricerca missionaria. Coming Soon insomma. Si dice così?

https://mrkillblog.wordpress.com/

https://madamepipi.wordpress.com/

 

 

CIRCA LE DONNE DI MARE

GABINETTO DELLE PICCOLE COSE SERIE.

Un pezzo scritto per la kermesse Se permettete parliamo di donne, organizzata dalla Società Umanitaria Alghero.

Alghero, Lo Quarter – Domenica 19 Marzo 2017 ore 19

I

Permettete se parliamo di donne?

Di quelle femmine di essere umano che hanno avuto la sventura di nascere all’interno di una razza evoluta come quella dell’essere umano, senza tuttavia godersi il lusso dell’evoluzione ma con mille obblighi e gerarchie vicini ancora all’ordine animale.

Permettete se parliamo di donne ma non di vestiti firmati, trucchi e ballerine?

Si può?!

Preferiamo parlare di pelle sudata, cuori spezzati e cervelli coi pensieri stipati.

Preferiamo parlare di lupe, di roghi con sopra presunte streghe e di silenzi pieni di suoni.

Fate la cortesia, concedeteci un po’ di tempo per parlare di notti insonni, di pance che si gonfiano e sgonfiano come vele, di gente condannata a cucinare lasagne a vita.

Perchè le donne sono anche genti, persone.

Concedeteci di parlare non di mamme, nonne, mogli, fidanzate e infermiere ma di persone.

Le persone che compongono il mondo e per questo sono costrette all’analfabetismo, allo stipendio più basso di tutti, alle mutilazioni più segrete e offensive di tutti i prigionieri di guerra.

Costrette ad obbedire ad altre persone col cervello mutilato.

Costrette a obbedire ai propri figli.

Fateci parlare delle persone costrette a lavorare come prostitute. Come se non bastasse essere costrette a lavorare.

Fateci parlare della gente che ha subìto castighi chiamati mansioni e che ora si ribella in modo scomposto, schiacciando tutto ciò che incontra in maniera disordinata, compulsiva.

Ma non è forse questa la strategia di tutte le rivoluzioni?

Fateci considerare la parola donna come un’evoluzione della parola persona, non come una condizione biologica.

Qualcosa da meritarsi non con la nascita ma col fuoco.

 

 

II

E poi ci sono le donne delle isole, al di sopra di tutti grazie alla condizione biologica di esser nate su uno scoglio.

E se nasci su una roccia sei già una donna, sei già un uomo.

Non hai tempo per altro che per l’essenziale.

Le sarde.

Chi le ferma le donne sarde, cresciute sulle pareti di calcare tra il mare aperto e i cespugli di mirto?

Ci sarebbe da portarle sul continente, le donne sarde.

Ci sarebbe da rapirle come ci hanno insegnato a fare e da portarcele sul continente, che tanto c’entrano nel bagaglio a mano.

Bisognerebbe portarle in Europa per farle parlare con certe donnette di terraferma, intrappolate nella rete a maglie fini dell’apparenza, dell’inconsistenza.

Io alle donne sarde farei produrre un tutorial, uno di quei corsi col cd-rom allegato che insegni alle ragazzine a starsene con la faccia contro il vento, come si protegge un territorio, come si danza con le proprie tradizioni senza annoiare platee, senza il vestito buono, senza soldi.

Io le sarde le farei entrare nei libri di scuola, nelle tasche dei politici, nei negozi e nelle università a spiegare cos’è il carisma.

A spiegare cos’è la dignità a quei catorci con la permanente e gli sciatusc che credono basti un figlio e un paio d’ore dall’estetista per essere donne.

Che non sanno cosa diventa il mare quando incontra il vento, che non riconoscono più odori e profumi che le loro antenate un tempo, fiutavano da miglia e miglia e che solo le sarde riescono ancora a percepire.

Dio salvi le donne delle isole e le cose che appartengono a pochi.

ALL THAT JAZZ

COSE FASTIDIOSE

Sento che nella mia vita è arrivato il momento di fare quella che s’intende di jazz.

Sento che il jazz più ostentato che mai, possa dare alla mia vita quel tocco interessante che piace.

Quel non so che di intellettuale, di bohémien, di spettinato, così richiesto in questa epoca underground.

Devo fare quella che di jazz ne capisce.

Sento che è il momento storico a richiederlo.

Sento di dover fare quella che il jazz ce l’ha nel sangue.

Ho già un piano: adesso che arriva la primavera io, sai che faccio?!

Spalanco tutte le finestre di casa e metto su una playlist di Spotify, tipo All that jazz, ecco.

Metto su la playlist e la sparo a tutto volume così si diffondono in giro per il quartiere quelle tipiche trombe jazz.

Quelle trombe così agitate.

Così i vicini sentono che ascolto roba chic.

Che m’ascolto tutti quei suoni scuri, selvaggi, negri, rudi.

Che tanto io poi sarò già in ufficio, che mi frega.

A me basta che si sappia che mi sento il jazz.

Poi Rihanna me la sento in cuffia.

A me basta che la gente pensi che sono una di quelle che s’ascoltano il jazz e che bevono il gin più costoso, accasciate sui divani di pelle nera dei jazz-club parigini.

Oppure sopra a quelli sgabelli in metallo.

Dovrò fare un po’ di pratica.

Dovrò capire come arrampicarmici sopra e restarmene lì in apnea per tutta la durata del pezzo jazz.

Che durano un sacco le canzoni di quel genere là e non sai mai quando finiscono.

Ma è tutta questione di pratica e abitudine.

Inizierò anche a fumare perché pare che quelli che si sentono il jazz, fumino a bestia.

Inizierò a dire che New Orleans è la città più figa del mondo.

Dovrò guardarmi qualche documentario su New Orleans.

Dirò a tutti che la figlia di Albano era una mia amica.

Che ascoltavamo insieme il jazz a New Orleans.

Che esiste anche una versione jazz di Felicità.

Sento che nella mia vita è arrivato il momento di far credere a tutti che a me il jazz mi cerca da quando son piccola.

E che comunque me la cavo anche a suonarlo.

Tanto che ce vuole?

Chi ci capisce davvero di jazz?!

Se mi dicono qualcosa, se non sono convinti, dirò loro che è una cosa nuova.

Che è un afro-jazz sperimentale.

Che me l’hanno insegnato i negri di New Orleans.

Che me l’ha insegnata Albano che, in realtà è un bravissimo jazzista ma in Italia fa altro perché l’Italia che ne sa di jazz?

A me basta che la gente sappia che io il jazz ce l’ho in tasca.

Mi basta che la gente pensi che io il jazz lo mastico.

A me basta che la gente mi pensi.

Sti cazzi del jazz.

GESTO CORAGGIOSO N°5

PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE, SINFONIE

Devo trovare il coraggio.

Devo farmi forza.

Devo concentrare tutte le energie che mi restano e dire a tutti che io quel film lì, quello che ha vinto l’Oscar e di cui parlano tutti non l’ho mai visto.

Devo raccogliere le forze e dire al mondo che non ho mai letto Shantaram o l’Eleganza del riccio o quel libro che ha vinto un sacco di premi e “Porca puttana ma che non lo conosci, ma dove vivi?!”

La prossima volta che mi siedo a cena con gli amici giuro che lo dico che non m’intendo un cazzo di vini biodinamici anziché guardare la carta dei vini con pollice e indice sotto il mento.

Non si può continuare così.

Mi vergogno.

Mi vergogno tanto ma non si può continuare così e devo dirlo.

E’ una sfida che ho con me stessa, ormai.

Lo dirò a tutti che quel gruppo lì che non mi ricordo come si chiama, quella band californiana che fa cross-over elettronico d’avanguardia e che tutti andranno a sentire a Los Angeles a Ottobre, io non l’ho mai sentita nominare.

E quando mi faranno ascoltare un loro pezzo, lo dirò senza indugi se mi ha fatto cagare.

E con l’occasione se mi girano, dirò che non ho sentito neanche l’ultimo album dei Radiohead, d’accordo?!

Io scoppio, non ce la faccio più ma devo dirlo: ignoro chi abbia vinto X-Factor quest’anno e Master-chef mi repelle.

Avrò il perdono degli amici?!

C’è qualcosa di molto rischioso che devo trovare il coraggio di ammettere al pianeta.

Qualcosa per cui tutti al vernissage di martedì mi schiferanno: io di arte contemporanea non c’ho mai capito un cazzo di niente.

E se non riuscirò più a controllarmi dirò a tutti che Marina Abramovich alle volte mi fa cadere gli zigomi.

E a proposito di arte, dovrò ammettere anche che si, è capitato anche quello.

E’ successo che sono andata a teatro e ho avuto tanta ma tanta voglia di gridare “Rivoglio i soldi del biglietto! Non ho capito un cazzo, che c’è troppa introspezione. Che va bene eh, ci sta nel teatro contemporaneo ma così è troppo!”

Può succedere, non c’è niente di male.

E’ mio diritto, sono il pubblico.

O no?!

Visto che sono in vena devo confessarvi anche questo altrimenti mi viene un brutto mal di stomaco: non ho mai fatto spinning in vita mia.

Poi: non so cosa penserà la gente di me però è giusto che tutti sappiano che il sushi non è mi ha mai fatto impazzire.

E la musica chill-out che mettono in certi posti a Ibiza mi ha sempre fatto orrore come anche l’applauso che fanno al tramonto.

Devo trovare il coraggio di dirlo.

Devo aprire il mio cuore e dire a quello che mi piace che non ho mai visto una serie americana e che Netflix per me potrebbe essere tranquillamente un adesivo per dentiere.

E che il vodka-tonic è una porcheria!

Voglio essere libera di dire a tutti che una volta ho messo il like sulla pagina di Tiziano Ferro ma poi l’ho subito tolto per paura di ritorsioni dei miei amici che ascoltano solo LCD Sound System, i Royskopp, gli Striztnich.

Mi sento già sola come un cane al pensiero di doverlo fare ma devo trovare la forza di ammettere al mondo tutto che anche se non faccio yoga e pilates, sto benissimo.

E, a proposito di benessere, l’ultimo film di Tarantino mi ha fatto star male con lo stomaco nonostante la sua incredibile fotografia.

Prenderò fiato e dirò che non mi è necessaria nessuna delle cose che dovrei apprezzare per forza.

Nessuna di quelle cose che “Ma dove vivi?!”, “Ma dici sul serio? Davvero non lo conosci/non lo hai mai visto/mai sentito parlare?”

Devo trovare la forza di ammettere che non faccio parte della maggioranza che compone l’opposizione.

Lo farò, eccome se lo farò.

Guarda il video di questo pezzo:

 

IUDICES

GABINETTO DELLE PICCOLE COSE SERIE., PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Se scrivo “Giudici”, a cosa pensate?

Perché questa è un’epoca spiacevole e temo non stiate pensando a Falcone e a Borsellino.

Sintonizzatevi sulle mie stesse frequenze per registrare cosa ne penso dei giudici dei talent show.

Degli chef che giudicano dei poverini ai fornelli.

Di tutta questa gente che arriva in tarda mattinata negli studi tv e si trova un tavolo in acciaio lucente con tutte le verdurine tagliate alla julienne da uno scenografo che sognava di fare cinema ma, poveraccio, anche lui deve pagare le bollette.

Se lo farete, se vi collegherete al mio cervello vi dirò tutto ma qui non posso esagerare perché non sono protetta da quelli giusti e la denuncia è sempre dietro l’angolo in un paese dove fingiamo di avere un umorismo frizzantino e invece no.

Immaginate cosa penso della mandria di signori vestiti in similpelle, con la gelatina anche sui denti che vengono pagati per starsene col culo sulle poltrone girevoli da supereroi, a spingere un bottone con ferocia per dare un voto a una creatura che possiede cinque volte il loro talento o che invece non ne possiede affatto ma è stata collocata last-minute dalla produzione tv, per mettersi a disposizione e farsi umiliare in diretta.

E pensare che era partita da Cetraro Marina col pullmann, dicendo a tutti di guardarla perché sarebbe stata alla televisione.

Uno ci prova ed è legittimo farlo.

Ci prova, pensando che possa essere il giusto trampolino di lancio ma poi, se riesce a connettersi col proprio animo, capisce subito di avere davanti a sé dei professionisti dello spettacolo e non dei docenti o Sai Baba o Batman.

Sintonizzatevi con la mia mente e scoprite cosa penso di queste superstar col cucchiaio d’argento, di bronzo e di platino che vengono prodotte in serie per fare più ospitate possibili e presenziare a tutte le degustazioni per mangiare gratis e scrivere libri di ricette che poi, quando provi a rifarle nel tuo cucinotto di merda ti mortificano.

Avvicinatevi alla mia anima: riuscite a sentire cosa ne penso di quei musi di plastica che gridano sguaiatamente al fenomeno e poi mandano la sigla?

Siamo in tanti ad essere insofferenti, a cercare un antidoto contro quelli pagati per giudicare senza avere competenze o che, ancor peggio avendone, amano usarle come fossero i vice di Gesù ma senza insegnare nulla gratis, moltiplicandosi in tutti gli angoli possibili dei media per raccattare cachets stellati più dei loro ristoranti.

Esisterebbero ingredienti in grado di arricchire le teste di chi guarda la tv anziché farci nascere dentro i bigattini, come si faceva nei bagni delle scuole per farle chiudere.

Perché la scelta cade sempre sulla peggior competizione a buon mercato?!

I talent show chiudono le nostre cervella indifese e tutto ciò che ci viene da considerare importante è fare i tuttologi in pubblico, ostentare di essere sommelier, esperti di musica classica, allevatori di animali preistorici per passione, cuochi di cucina giapponese di alta montagna, conoscitori di paesi sottomarini abitati da scrittori nudisti.

Purtroppo tutta questa sapienza non viene esibita per il gusto di diffonderla ma per il prurito di far tacere gli altri, facendoli sentire inadeguati e miseri

Il principale obiettivo diventa fare quelli che sanno più del gruppo e che importa che poi si sbaglino i congiuntivi?!

Se si ha talento bisogna andare nei posti a comandare, per diventare un opinion leader e scegliere per gli altri.

Cosa abbiamo fatto per meritarci questa punizione che è tutto fuorché divina?

Vi prego, connettiamo le nostre menti e salviamoci: off.

Giudice
giù·di·ce/
sostantivo maschile e femminile
La persona o l’ente cui sono riconosciute l’autorità e la competenza di emettere giudizi o decisioni definitive.
Lat. iudĭcem, comp. di ius ‘diritto2’ e del tema di dicĕre ‘dire’;
propr. “colui che dice il diritto”

LA RESURREZIONE DEI GRANDI

COSE FASTIDIOSE

suicidio_gay_non-omofobia

Siccome credo nella Resurrezione, mi piace sognare che un bel giorno tutti i grandi, passati per questo bel posticino che è il pianeta, possano tornarci per qualche ora.

Così mi sono seduta e ho immaginato cosa farebbero se venissero richiamati alla vita, oggi stesso, magari in Italia, artisti, poeti, statisti e altra gente stimabile di cui il mondo ha sempre più fame.

Alessandro Manzoni

Si sfilerebbe i preziosi mocassini di velluto e andrebbe senza contare fino a dieci, sotto casa dell’editore di Fabio Volo per pigliarlo a scarpate sulle guance.

 

Frida Kalho

Entrerebbe in un negozio di Desigual e avrebbe un malore.

 

Charles Baudelaire

Chiederebbe come abbiamo potuto sopravvivere cento anni con l’assenzio illegale in praticamente tutti gli stati europei, ad eccezione di Spagna e Portogallo dove richiederebbe subito cittadinanza.

 

Jim Morrison

Si farebbe giurare dalla sua casa discografica che i dischi dei Doors non sono mai stati venduti nel reparto Boy-band.

 

Virginia Woolf & Jeff Buckley

Farebbero una petizione online per chiedere l’installazione immediata di depuratori nei maggiori corsi d’acqua del mondo per consentire a tutti, il diritto sacrosanto di annegare in maniera poetica e non morire prima di sifilide.

 

James Brown

Andrebbe nelle discoteche col banchetto di una Onlus, la pettorina azzurra e la spilletta, per spiegare ai ragazzi com’è fatta la cocaina vera.

 

Maria Callas

Farebbe una donazione di tenia a Giuliano Ferrara.

 

Dalì

Girerebbe un tutorial da diffondere sui social dal titolo “Basta baffi del cazzo”.

 

Freddy Mercury

Chiederebbe subito il numero del cellulare di Malgioglio per potergli dire che va’ bene lo stile bizzarro, va bene proprio tutto eh, ma così è davvero troppo.

 

Kurt Cobain

Andrebbe immediatamente a Seattle per dire due paroline alla moglie.

 

Claudio Villa

Correrebbe all’Ariston, imbottito di tritolo.

 

Lord Byron

Andrebbe in cerca di quelli che scrivono “Ciaone proprio” e li prenderebbe a pedate taurine.

 

Ella Fitzgerald

Aspetterebbe sotto casa i giudici di X-Factor.

 

Jimi Hendrix

Chiederebbe di dare uno sguardo alla carta d’identità di Justin Bieber per sapere tra quanto compirà 27 anni.

Poi capendo che manca ancora parecchio avrebbe un conato di vomito.

 

Pablo Picasso

Rimorchierebbe tutte le ragazze iscritte su tinder.

 

Helmut Newton

Manderebbe un pacco bomba alla sede di Instagram.

 

Van Gogh

Finirebbe a San Patrignano a fare la cromoterapia.

 

Sergei Diaghilev

Andrebbe a Ballando sotto le stelle a incendiare tutto con la benzina.

 

Oscar Wilde

Snobberebbe il Gay Pride per assenza di discrezione e buon gusto.

 

Anna Magnani

Organizzerebbe una manifestazione europea per abolire le fiction.

 

Nelson Mandela

Farebbe talmente tante cose che finirebbe di nuovo in prigione.

LA PADRONA DEL MONDO CHE CERCAVATE

PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Il cappello da dittatore era solo per la foto.

E’ importante che sappiate che non voglio prendere in giro nessuno, anche se dal titolo di questo articolo potrebbe sembrare.

Sono serissima.

E parleremo di politica.

Vi diranno che per andare a dire qualcosa a Bruxelles o per farvi la pausa pranzo al Capranichetta, c’è una selezione insormontabile.

Vi diranno che per comandare bisogna conoscere, fare i concorsi, vi diranno che c’è concorrenza ed è effettivamente così.

Per il comando ai Governi del mondo c’è molta concorrenza.

Pare che ultimamente il brutto faccia concorrenza all’orrido.

Pare che ci sia uno scontro tra merde anziché tra titani.

I titani sono stati sostituiti dalle merde.

E dai tecnici.

(Sennò sai che casino che combinavano, i titani.

Avrebbero pestato Brunetta senza accorgersene).

Ma la buona notizia di questa sera, signori, è che non c’è più bisogno né di tecnici né di titani.

Servono giustizieri della notte, super-eroi, mazze chiodate e catapulte.

Allora io, che di tecnica ne ho poca, lo ammetto, ma sono molto, molto incazzata col mio paese, voglio dire a tutti questa sera, che sono eccezionalmente disponibile in caso vi decideste a chiedere finalmente soccorso e a invocare l’aiuto di un padrone del mondo.

Sono io la Padrona del Mondo che cercate.

Visto che nessun uomo può dirsi libero se non è padrone di sé stesso, lasciate che qualcuno vi renda liberi, spadroneggiando.

Mi offro di supervisionare sulla libertà e la serenità di tutti, ad eccezione della libertà e della serenità dell’attuale classe politica, industriale e televisiva degli ultimi 30 anni.

Per me è cosa semplice fare la Padrona del Mondo.

Ma ho bisogno della vostra carta bianca.

Prima di tutto, stop ai finanziamenti a tutti i mezzi di comunicazione.

Vietiamo le soap-opera colombiane in TV e tutti quelli che hanno partecipato al Grande Fratello e i giochi a premi di Paolo Bonolis

li mettiamo a dare una sistemata alle fognature di Napoli.

A proposito di Napoli, Gigi D’Alessio a Capodanno va da sua nonna, per cortesia.

Può seguirlo anche Grignani, purchè non si presenti a mani vuote, almeno con un prosecchino dalla nonna…

L’abolizione di certi programmi televisivi sarà ovviamente estesa a tutto il pianeta terra, perché sono sicura che tutti gli esseri umani sono inconsciamente stanchi di tanta mondezza e IO voglio costringervi tutti al Bello, gente.

A proposito di affari esteri: i fast-food diventano illegali e pure le tette finte.

Vogliamo tutto bio.

Quando mi avrete votato come padrona del mondo, le slot-machines avranno un incentivo sulla rottamazione, d’altronde sono o non sono machines?

Per tutti i dipendenti dalle macchinette, gettoni gratis per quelle a-scontro, e non rompessero i coglioni.

Penso anche alle infrastrutture, se mi date fiducia: le autostrade le costruiscono i tronisti, con tutti i muscoli che si sono fatti per essere corteggiati.

Via i debiti dai paesi in via di sviluppo e proviamo a farli sviluppare davvero, questi paesi in via di sviluppo, anziché sotto-sviluppare loro e noi.

Li svilupperemo semplicemente disarmando il pianeta, fino al buco del suo sedere e sterilizzando calciatori e veline.

Se divento la padrona suprema, Obama dovrà anche dirci tutto quello che ha ascoltato con l’orecchio nel bicchiere appoggiato al muro del mondo e Zuckemberg dovrà ridarci indietro tutti i nostri selfie.

Mi volete come padrona del mondo?

Tolgo talmente tanti soldi alle multinazionali che ne avanzeranno per dare internet gratis a tutti, anche in fondo al mare.

Proibisco i parrucchini per signori e mi dispiace per il Mago Silvan.

E poi proibisco anche la Santanchè e le puzzette negli autobus.

Chi ama fare shopping, con me come Padrona del Mondo, ha breve vita: stabiliamo una spesa minima che la gente possa utilizzare in stronzate e stop, così il denaro in circolo diminuisce e noi con quaranta paia di scarpe in meno, probabilmente si campa meglio, ragazze.

Ma veniamo al dunque: cosa chiedo in cambio?

Cosa domando alla popolazione per sopportare il peso di tutta questa responsabilità?

Una piccola casa al mare, un fuoristrada e un giamaicano.

Nient’altro.

Il punto non è cosa ho in cambio, gente.

Il punto è…volete mettere la sensazione di essere la Padrona del Mondo?!

Poter rispondere finalmente alla domanda che ti fanno tutti, da sempre: “Tu cosa fai? Di che ti occupi?”, con qualcosa di davvero accattivante…

“Io? Io vivo a Milano, ho tre gatti e governo il pianeta”

Fatemi sapere, prima che compia 50 anni e mi torni ad essere un normale elettore passivo.

…..

Ah, birra gratis per tutti, anche dai rubinetti dei cessi negli autogrill.

 

 

IL CAMPO DI LAVORO PER GIOVANI IDIOTI

PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Ne ho parlato con gli amici e hanno detto che potrebbe funzionare. Quindi anche io andrò a proporre il mio Progetto alla Comunità Europea sperando di accaparrarmi qualche fondo perduto.

Il mio progetto ha ottime credenziali perché è imprenditoria femminile, giovanile ma soprattutto perché propone un potente antidoto alla crisi.

Il Progetto è praticamente pronto.

Manca solo il dipartimento giusto dove inviarlo e un paio di marche da bollo che, immagino servano, visto che servono a qualsiasi cosa.

Ho anche il budget, il business plan, la gestione rischi e imprevisti, una lista di location, un database fornitori pronti a produrre i materiali e le attrezzature utili alla finalizzazione degli impianti.

Il mio piano per la Comunità Europea ha una mission chiara: per salvare l’Italia dalla Crisi occorre partire dal futuro del paese.

I giovani.

Quei pochi rimasti in Italia, intendo.

I giovani sono il prodotto di quello che la televisione italiana ha proposto loro negli ultimi vent’anni: mondezza organica.

Ma non tutto è perduto!

Occorre creare un nuovo humus sano e bonificato più adatto e congeniale ai giovani corrotti, un luogo sano dove essi possano bonificarsi e rifiorire.

IL CAMPO DI LAVORO PER GIOVANI SOTTO-SVILUPPATI CULTURALMENTE

Un centro di vera e propria riformazione giovanile, un salvataggio in corner dalla cultura involutiva di quest’ultimo trentennio.

Il progetto che prevede la creazione di un luogo di rieducazione coatta per individui giovani rincoglioniti dal benessere.

Chi vi può accedere: i giovani under30 ritenuti al di sotto dello sviluppo intellettuale consentito.

A chi è rivolto: Il nuovo Campo di Lavoro del III millennio sarà creato per soddisfare le esigenze di quella ristretta fascia di genitori abbandonati dallo Stato perché considerati colpevoli di essere ancora forniti di intelletto.

Genitori che hanno difficoltà ad educare i propri figli e a salvarli dalla stupidità della nostra epoca.

Insomma, un progetto che verrà in soccorso delle famiglie in difficoltà, in modo concreto, pulito e infallibile.

Tuo figlio domani andrà al provino del Grande Fratello o ha comprato un paio di jeans a vita talmente bassa che cammina come una dama giapponese del seicento?

Non temere: il Nuovo Campo di Lavoro per giovani sotto-sviluppati ripristina l’intelletto della nuova generazione partendo proprio dal tuo figliolo!

Tua figlia mette da parte la paghetta per rifarsi le tette, uscire con un calciatore e prendere un tavolo al Pineta?

Il progetto di un campo di lavoro rieducativo nasce per sterminare alla radice il virus della non-intelligenza giovanile che forse si nasconde proprio nella tua principessa!

I vostri figli sono importanti perché sono il futuro di un mondo che, esattamente come loro, è sotto attacco.

La non-intelligenza giovanile trova le radici del suo sviluppo nell’ascesa di certa televisione, del lusso immeritato e di certe discoteche romagnole.

Il problema è che oggi se anche togli la televisione da tutti gli ambienti casalinghi, tuo figlio assimilerà i concetti di questa non-cultura dai suoi coetanei o attraverso smartphones e PR sulle spiagge!

Ma i giovani iscritti dai propri familiari al Nuovo Campo di Lavoro avranno una chance!

Come funziona:

(PROGRAMMA ITALIANO)

I futuri internati verranno prelevati coattamente dalle loro abitazioni, privati del cellulare e di qualsiasi oggetto di marca sia in loro possesso al momento di un arresto simulato.

Una volta presi per il lobo delle orecchie, saranno accompagnati nelle nostre strutture dove inizieranno un periodo di analisi e prima igienizzazione.

Un piccolo team di buoni cervelli europei stilerà i diagrammi di valutazione del sottosviluppo culturale del soggetto affinché ciascuno possa essere inserito nel programma più adeguato.

Vista la situazione pessima in cui versano le infrastrutture italiane e la palese corruzione che vige in quasi tutte le gare d’appalto per la manutenzione delle stesse, il progetto prevede di sfruttare i campioni di giovani internati nello sviluppo di 3 macro – progetti:

1) Carpenteria pesante.

Costruzione di gallerie sulle catene montuose (TAV escluse), costruzione di impianti a energia solare o di parchi eolici senza supporto di mezzi di trasporto materiali.

2) Smaltellamento di vecchie discariche.

Escavazione ed esumazione dei rifiuti indifferenziati e smistamento dei materiali per un corretto riutilizzo.

Anche qui non è previsto alcun supporto meccanico ai ragazzi in trattamento.

3) Bonifica e ristrutturazione di bagni pubblici e delle stazioni metropolitane ad alta frequentazione.

Piastrellamento, manutenzione ordinaria dei servizi igienici con turni di dodici ore senza pausa pranzo e lavaggio di treni in notturna.

Nello svolgimento di tutte le mansioni previste in questi 3 macro-progetti sarà sempre obbligatoria la filodiffusione in cuffia di podcast con contenuti di storia, letteratura e musica classica che verranno inviati direttamente dalla radio centrale del campo.

Tengo a sottolineare con orgoglio che in questo progetto è inserita anche una sezione particolarmente efficace per le ragazze sofferenti di inattività mentali scomposte, come frequentazione assidua di negozi di abbigliamento o di estetica, inabilità alla lettura di un settimanale che non parli di coppia o di oroscopi, poca predisposizione al lavoro in virtù del mantenimento del partner e altri affezioni simili.

Il campione di giovani donne sarà oggetto di una pulizia culturale specifica attraverso percorsi educativi come la manipolazione di feci per riutilizzo energetico di vario tipo, terapia psichiatrica di gruppo contro la propensione a invidia, malalingua e pettegolezzo, assistenza ad anziani non deambulanti, giardinaggio hard-core all’interno dei parchi pubblici e infine catalogazione online di tutti gli archivi anagrafici italiani.

In quest’ultimo, interessante modulo, le ragazze riordineranno i faldoni degli archivi a partire dall’ unità di Italia sino ad oggi, così da comprendere quanto possa essere fastidioso occuparsi dei cazzi altrui.

Attraverso periodi di rieducazione variabili nel tempo, a seconda dei casi, i giovani sottoposti ai trattamenti proposti nel Campo di Lavoro, non verranno soltanto riammessi in libertà ma potranno essere inseriti come guide responsabili del miglioramento sociale all’interno delle altre strutture dello stesso franchising o negli uffici pubblici, muniti di uno speciale patentino per picchiare i dipendenti statali ignavi e inefficienti.

Giovani Tronisti, Fanciulle Cotonate: ho qualcosa per voi.

Il mio progetto prevede anche assistenza alle famiglie con genitori contaminati attraverso corsi di recupero intensivi:

– stesura a mano di libri di educazione civica per le scuole, per imparare a insegnare in maniera idonea alle nuove generazioni.

– assistenza negli ospedali come addetti allo smaltimento dei residui fisiologici provenienti dalle sale operatorie di chirurgia ricostruttiva per recuperarsi dalla dipendenza da chirurgia plastica.

– lavori forzati alla pulizia dei monumenti con apprendimento indotto sempre via podcast in maniera obbligatoria, della storia di ciascuna opera d’arte trattata o lucidata dal soggetto, in tempo reale.

Il Campo di Lavoro (a questo punto, marchio registrato) dovrà essere gratuito per consentire a tutti un dignitoso recupero culturale perciò conto di chiedere fondi consistenti ma tuttavia inferiori a quelli che il governo richiede ai cittadini per acquistare le auto blu e i buoni pasto ai sotto-segretari.

Per maggiori informazioni e per visionare il progetto completo, potete contattarmi via mail.

Grazie per l’attenzione, la fiducia e le possibili offerte di traduzioni in altre lingue per l’estensione del progetto ad altri paesi in difficoltà.