LA TESTATA

PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Banale anticipare che non c’è da fidarsi di chi legge certi giornali.

Resta ancora molto diffusa peraltro la consuetudine di esibire il quotidiano che si legge; il giornale viene ancora esibito in maniera molesta: portato sottobraccio, lasciato fuori, a sporgere dalle tasche esterne di borse e valigie.

Quando parliamo di quotidiani, il riferimento riguarda quelli considerati diffusori di informazioni utili, non certo oggetti superflui come il Corriere dello sport o Libero, vero e proprio impoveritore cerebrale tra i più potenti.

Tutti i quotidiani però sono potenti.

La potenza e la conseguente responsabilità dei quotidiani non si risiede tanto nella grafica o nella cartastraccia che li compone ma nelle dita della categoria più impunita del nostro secolo, i giornalisti che, personalmente picchierei in moltitudini con la scopa.

Il giornalista ha spesso maggior responsabilità di un capo di Stato e dovrebbe rispettare prima di tutto sé stesso e poi il lettore, servendosi dei voti monastici che fa alla propria professione, come la ricerca della perfetta verità nella cronaca dei fatti ed il disgusto massimo nei confronti della faziosità.

Il fatto che uno scandalo buttato in prima pagina solletichi o meno gli angoli meschini del lettore non dovrebbe essere oggetto di interesse da parte del giornalista poichè egli dovrebbe già esser fin troppo impegnato a cercare di arricchire con qualsiasi metodo il bagaglio culturale del suo pubblico fornendogli armi per combattere, insieme a lui, la rozzezza che ci sovrasta e la corruzione.

Anche per evitare tutti questi bellissimi intenti, esiste il giornalista che si occupa di gossip e di altra bassa attualità.

Un professionista laureato che abbia conseguito con sforzo il patentino e che scelga deliberatamente e quindi in modo criminale di depauperare intellettualmente il fruitore è un soggetto al quale il patentino andrebbe masticato fino alla polvere così come andrebbero distrutte tutte le squallide storie da lui scritte, storie che, la gente di buon senso, dopo averle lette avverte ancora come un danno ed insieme a quella consapevolezza, la gente è ancora in grado di sentire nell’anima, una voce sotterranea che sembra dire “Ma che cazzo me ne frega di questa roba?!”

Il giornalista malvagio invece mantiene il lettore, così ed in altri meschini modi, precisamente sotto sequestro, privandolo poco a poco del discernimento personale ed ipnotizzandolo fidelizzandone la pigrizia e l’ignavia mentre, nel frattempo occupa il tempo in telefonate e negoziazioni per procacciarsi gli accrediti.

L’accredito vizia il giornalista e ne giustica l’operato.

Se il giornalista non ricevesse accredito si sentirebbe meno potente e forse scriverebbe finalmente la verità, purificato e confinato dentro alla sua professione liberata da favori e marchette.

Difendiamo i giornalisti dall’accredito e le edicole da certe testate.

Le testate diamole noi contro le porte a vetri di certe redazioni; forse finiremo in ospedale con codice rosso ma avremo difeso la libertà di lettura contro certa libertà di stampa e soprattutto finiremo sul giornale che comunque non è male, piace sempre.

Facciamo in modo che la testata meriti.

FOTTUTA CAMPAGNA stampa

FOTTUTA CAMPAGNA

Piccola e umile raccolta di video,podcast e articoli su Fottuta Campagna, un libretto che era giù best-seller, ancora prima di uscire.

http://fazieditore.it/catalogo-libri/fottuta-campagna/

***

Webnotte – La Repubblica Tv: http://video.repubblica.it/rubriche/webnotte/webnotte-la-fottuta-campagna-di-arianna-safonov/234664/234341

Radio24 – Rosita Celentano e Angelo Vaira: http://www.radio24.ilsole24ore.com/programma/felice/vivere-campagna-150808-gSLAhJnOKC

La Provincia Pavese – Lieto Sartori: http://laprovinciapavese.gelocal.it/tempo-libero/2016/04/11/news/madrid-montalto-cosi-madame-pipi-scopre-la-natura-1.13278368?ref=hfpppves-1#gallery-slider=undefined

La Provincia Pavese – Serena Simula: http://laprovinciapavese.gelocal.it/tempo-libero/2016/03/22/news/fottuta-campagna-sei-un-luogo-comune-1.13175677

Radio24 – Melog, Gianluca Nicoletti: http://www.radio24.ilsole24ore.com/programma/melog/fuga-citta-122255-gSLAH0dVbB

Radio Capital – Ladies and Capital: http://www.capital.it/capital/radio/programmi/Ladies-And-Capital/3713660

National Geographic:

Safonov_National Geographic

Le Pagine del vino – Luciana Rota: http://www.lepaginedelvino.it/3551/la-fottuta-campagna-di-arianna-non-e-bio/

Feeddbooks – Veronica Fantini: http://it.feedbooks.com/interview/552/un-messaggio-importante-spiegato-con-semplicit%C3%A0-e-ironia-ma-soprattutto-rivolto-a-tutti

Il Fatto Quotidiano – Camilla Tagliabue:

ilfatto

TuStyle – Eleonora Molisani: http://www.tustyle.it/diary/fottuta-campagna-felice-esordio-di-arianna-porcelli-safonov/

Il Foglio – Mirko Volpi: http://www.ilfoglio.it/cultura/2016/05/10/campagna-natura-agricoltura-biologica-libro___1-v-141801-rubriche_c361.htm

Confidenze – Letizia Grandi:

Safonov_Confidenze

Primediecipagine – Desy Icardi: https://www.youtube.com/watch?v=yWOW0oXeBQA&feature=youtu.be&a

Scrivere al Femminile – Stefania Massari: https://scriverealfemminile.org/2016/05/31/fottuta-campagna-di-arianna-porcelli-safonov/

Il Venerdì di Repubblica – Tiziana Lo Porto:

venerdì rep

Il corriere del Conero – Elena Pigliacampo: http://www.corrieredelconero.it/rubriche/libri-consigli/8931

RIP

GABINETTO DELLE PICCOLE COSE SERIE.

A volte apri facebook o semplicemente ansa (che ormai ha lo stesso valore mediatico di facebook ) e vedi che è morto un artista.
Lo vedi su tutte le bacheche degli amici, su tutti i titoli e in tempo quasi reale.
A volte non è neanche morto per davvero.
E’ assurdo ma esiste anche questo: esistono scoop su presunte morti che leggi sui muri dei tuoi amici.
Notizie prese da fonti di dubbia credibilità tipo illercio.it oppure noncipossocredere.com, fonti che ti costringono a dubitare non solo della veridicità della notizia, ma anche delle facoltà mentali dei tuoi amici che si servono di queste fonti di informazione.
Poi arrivano le smentite oppure non arrivano e ti resta il dubbio fino a quando la vedi in tv quell’attrice morta e dici, ma non era morta?!
E’ una sensazione simpatica in cui prendi poco sul serio perfino la morte che, evidentemente risulta poco credibile.
A volte ho la sensazione che siano i giornali a fare secco quel musicista o quel soprano perchè la notizia arriva quasi in anticipo o immediatamente dopo l’ultimo respiro.
O forse la stampa paga qualche giovane laureato per fargli fare un turno di presidio davanti agli obitori delle grandi città ed avere l’anteprima assoluta quando esce o entra una salma importante.
In questi giorni le bacheche, ad esempio, sono state terreno fertile per messaggi di affetto e stima a Giorgio Faletti, artista italiano completo, eclettico, versatile e purtroppo morto.
Sulla sua carriera artistica troverete di tutto, soprattutto in questi giorni e Giorgio questa settimana, avrà ricevuto un numero galattico di click di like e di shares sul suo sito;
Una pioggia di consensi che forse non ha mai ricevuto in tutta la sua carriera.
Carriera quella dell’artista durante la quale, nella maggior parte dei casi, passi la vita povero, facendoti un sedere di una dimensione che solo gli artisti possono immaginare.
Gli artisti passano la loro vita lottando contro la sindrome delle due “o”: in bilico tra ovazione e oblio.
In numerosi casi l’ovazione e l’oblio non dipendono neanche dalla qualità della loro arte ma da una temperatura che non ha nulla di ragionevole e che il pubblico elargisce in maniera poco intelligente e legata alla quantità di pubblico che la elargisce.
Cantanti come Lady Gaga che diventano divinità nonostante facciano musica discutibile e vadano agli eventi vestiti con pezzi di carne bovina appena macellata.
Attori dimenticati solo perché fanno scelte mediatiche sbagliate, tipo dichiarare una malattia o una tendenza sessuale.
Artisti diffamati da luoghi comuni e pettegolezzi mediocri diffusi da minoranze mentali, come “Masini porta sfiga” .
Certo, forse Masini come esempio non vale perché  con la sua musica non si è proposto proprio come icona dell’ottimismo.
Comunque, anche se non lo ammetterà, l’artista tipo non vede l’ora di morire.
Solo morendo infatti, entra senza fatica nel grande libro dei miti e ci entra a prescindere da successi e insuccessi.
Gli artisti rimasti in vita mandano un messaggino su twitter con “Io lo conoscevo/quando muore un grande amico/indimenticabile collega”.
E twittano per il gusto morboso di cavalcare l’accelerazione mediatica innescata dal collega schiattato.
Il pubblico, dopo aver letto la twittata, pensa che alla fine non era così malaccio quell’artista e corre a comprarsi il libro o il dvd.
I dipendenti delle produzioni e delle edizioni fanno le notti per ristampare, editare, pubblicare numeri speciali, omaggi e requiem platinum.
E l’artista nel frattempo da lassù (perché gli artisti col culo che si fanno in vita, sono certa che vanno in paradiso) vorrebbe prendere a sassate pubblico e colleghi, ma in paradiso non si può.
Però l’artista desidera in gran segreto di lapidarli tutti: pubblico, manager, giornalisti e colleghi artisti che quando era in vita, avevano un giudizio sulla sua vita privata e la sua arte estremamente inflessibile e forse proprio a causa di questo giudizio è schiattato.