AUTOCENSURA IGIENICA

COSE FASTIDIOSE, GABINETTO DELLE PICCOLE COSE SERIE., PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

 

“Arianna, perché non scrivi mai di Salvini?!”

 

La nostra ossessione mediatica per Salvini ci ha puniti tutti.

Questo giornaliero buon proposito di far da cassa di risonanza sui social ai fatti spiacevoli di questo ragazzo ha fatto in modo che il suo volto replicato su milioni di bacheche divenisse un volto di cui, nostro malgrado, ci si affezionasse (un po’ come avvenne con il signor Berlusconi, se non sbaglio), ed ora eccoci qui.

Eppure, se è vero che si possa e si debba sempre apprendere da qualsiasi lezione, a livello sociale questa punizione ci consente una riflessione che potrebbe ancora risultare costruttiva.

Nel mio piccolo, ad esempio ho ricevuto moltissime richieste dal pubblico di questo tipo: “Perché non parli di Salvini? Parla di Salvini!”

Perché chiedere ad un autore comico di parlare di Salvini?

Forse perché si sente con prepotenza, la necessità di sdrammatizzare riguardo un argomento, di per sé drammatico?!

Da quando quel ragazzo è diventato ministro, tutti i comici si son lanciati in siparietti che lo disprezzassero come persona e come istituzione ed è piuttosto facile farlo poiché questo ragazzo è il soggetto perfetto per qualsiasi drammaturgia satirica (nel caso in cui ce ne fosse davvero, in Italia, di drammaturgia satirica).

A livello personale, il soggetto ha sempre mostrato di fare scelte bizzarre e di basso profilo che ben si prestano ad esser sceneggiate;

mi viene in mente, ad esempio, la sua copertina per un rotocalco di gossip, in cui si fece ritrarre a letto, vestito solo di una cravatta verde bosco oppure della sua attitudine a fidanzarsi con gente discutibile od ancora tante delle innumerevoli fregnacce raccontate da pubblicazioni che dovrebbero fallire, se Dio amasse davvero l’Italia.

A livello istituzionale ha incentivato tutte le peggiori pulsioni del cittadino italiano medio, spunto di partenza eccellente per qualsiasi scritto umoristico.

Meno per qualsiasi strategia politica volta a migliorare il paese.

A livello ideologico è riuscito a far leva sul ceto che manca di preparazione storiografica per proporre questa storia indigeribile che il vero problema in Italia sia l’immigrato e non l’italiano corrotto e contestualmente, col suo potere ed il nostro consenso, continua a sovvenzionare le carceri libiche e le torture contro esseri umani considerati di seconda categoria rispetto a noi.

Poi c’è la parte soubrette di Salvini (tipica del politico italiano a partire dagli anni novanta), coi suoi concorsi a premi, le sue brutte figure, sintomo della mancanza di educazione di cui soffre il paese tutto, non soltanto lui ed ecco che il personaggio comico c’è già.

Non v’è alcuna necessità di crearlo da nulla: Matteo Salvini è lì per i comici, pronto da scartare come una caramella e facile da raccontare.

E’ facile fare un siparietto con questo ragazzo.

Meno facile proporre un siparietto che schernisca il tessuto sociale, la tragicomica decadenza di costumi e della morale degli italiani che ha causato l’ascesa di questo ragazzo.

Complicato far ridere dandoci dei coglioni, ignoranti, pigri, razzisti, corrotti e con le felpe con la bandierina dell’Italia sul petto.

Molto difficile per un povero comico italiano di oggi riuscire a far sorridere con un tale reportage di merda sul nostro paese e perciò meglio accanirsi sul politico specifico e non sulla cittadinanza che aderisce ai suoi principi lontani dalle altezze culturali di un paese che si vanta di essere ancora ciò che fu secoli orsono.

Funziona così da sempre: ci piace sorridere delle persone che governano, non delle cazzate che facciamo come elettori.

Così, comici ed elettori continuano a fare cabaret di basso profilo ed il nostro futuro è l’unica tragedia presente in palinsesto.

21192672_10155728828673854_4072327502001335945_n

FUORI IN 60 SECONDI

COSE FASTIDIOSE

Qualcuno ci salvi. Noo, tu no. Tu resta lì appeso.

 

Sono appena rientrata a casa, bevo un bicchiere d’acqua e vi racconto.

Devo riposarmi un attimo, ok?!

Tutti i miei sensi sono sotto stress in questo momento.

Tutti, ad eccezione del tatto.

Eh, mi son guardata bene io dal toccare qualcosa.

Le uniche cose toccate, lo ammetto, sono quelle che ho dovuto comprare e il sacchetto che le contiene.

Il sacchetto è qui in casa ora, e ha stampato sopra entrambi i lati il torso di un ragazzo minorenne

tutto scolpito dalle polveri anabolizzanti che gli compra di sicuro la mamma.

Così può dire alle amiche che suo figlio fa il modello, che anche se non si vede la faccia sul sacchetto, quel blob di muscoli oliati è il suo Mark.

Posto che mamme di questo tipo andrebbero immediatamente trasferite nelle prigioni messicane dimenticate dal Signore, non è di questo che mi voglio sfogare con voi.

Innanzitutto non è stata una mia scelta.

No, voglio svincolarmi subito dalla possibilità che pensiate sia mia abitudine andare in certi posti.

La mia famiglia è variegata e purtroppo uno dei miei fratelli non riesce a uscire dal problema.

E’ coinvolto in una seria e preoccupante attitudine per tutto ciò che viene diffuso dai Media come “prodotto cool”.

E’ un ragazzo sano per il resto, un buon padre di famiglia e un ottimo professionista.

Ma nelle persone apparentemente brillanti, spesso si nasconde il vero disagio.

Insomma per il suo compleanno mi chiede di entrare lì, dove nessun essere umano con dignità si sognerebbe di entrare: nello Store Abercrombie.

Non solo mi chiede di entrare, ma pretende anche che il budget destinato per il suo regalo di compleanno venga speso lì.

Compleanno n°42 ( se  certi problemi non vengono affrontati e risolti prima, d’altronde, poi uno se li trascina per tutta la vita ).

Allora io, con coraggio e affetto, mi trascino in bicicletta nella zona più chic della città.

La zona dove i signori in giacca e cravatta ti guardano il sedere in pausa pranzo (per capirci) e le ragazze sembrano tutte avvocatesse:

collant 40 denari, tacco firmato, abitino serio, occhiale, telefonino…

E lì, in fondo a questa passerella, ecco un palazzo elegantissimo tutto merli e colonne, senza però nessun tipo di insegna pubblicitaria, fuori.

Riconosco che si tratta dell’ Orrido dove dovrò entrare perché è da circa 500 metri che il mio naso lotta contro un odore acuto di un’ acqua di colonia  ignobile che appesta tutto il quartiere.

Un odore che ti inietta dentro, oltre a questa essenza di…pino acido, un repentino fastidio nei confronti di tutti gli esseri umani che incroci.

Mica sono una che si fa intimorire dagli odori io.

E’ che sono in bicicletta e ho gli occhi che mi lacrimano, che mi bruciano da questo porco profumo.

Sembra che Dio abbia rovesciato un deodorante per l’ambiente, per quantità destinato a tutto l’universo, solo qui. Sopra questo fottuto quartiere.

Ora ho capito perché le avvocatesse hanno tutte gli occhiali, anzi che non hanno le maschere con aria pressurizzata nella borsetta.

Finalmente riesco ad arrivare alla porta dell’Orrido.

Sulla porta ci sono due biondini minorenni (potrebbero essere i miei figli se fossi nata a Beverly Hills) che sembrano pagati per doversi spogliare da un momento all’altro.

Hanno l’aria di chi pensa che tu sia uno specchio, avete presente?!

Ti guardano ma in realtà stanno guardando che reazione che fanno su di te.

Devono aver capito la reazione che fanno a me perché sembrano spaventati e manco mi salutano, mentre entro.

Fuori dal negozio sono le 2 di pomeriggio di una fine Maggio luminosissima.

Dentro il negozio sono le 2 di notte in una discoteca di Ibiza alla festa di chiusura stagione.

Entro con la sensazione che al minimo imprevisto finirò al commissariato.

Dappertutto cloni dei ragazzini spogliarellisti dell’ingresso.

Una quantità di commesse bionde che ti chiedi come cazzo possa andare avanti la gestione del negozio.

E non solo perché sono bionde.

E non solo perché sono minorenni.

Te lo chiedi perché nessun essere sano può sopravvivere 8 ore al giorno, a piegar maglioni al buio, con l’ aria appestata da ettolitri di acqua di colonia, sparati da bocchettoni.

Per non parlare dei decibel di questa musica infernale.

I ragazzini all’ ingresso dovrebbero distribuire caschi integrali ai clienti che entrano.

Tutto qui è biologicamente insostenibile.

I 3 piani dello Store sono disseminati di mobili di mogano tutto lucidato.

Qua e là sono piegate a pile da un team di architetti, le magliette e le felpe.

Non ho mai visto un negozio dove toccare la merce ti mette così a disagio.

Hai la sensazione che sfiorando una camicia romperai un equilibrio che non potrà più essere ripristinato.

Tutto ciò che si trova sugli scaffali non si distingue.

E’ praticamente tutto uguale.

Felpe, magliette, jeans, tutti identici fra di loro, disponibili in diversi colori, con o senza zip, con o senza cappuccio, però  i d e n t i c i.

Il reparto donna sembra la camera guardaroba di Paris Hilton, dentro la quale tante giovani con il suo stesso stile spuntano da dietro le statue dei David di Donatello e dalle piante finte e ti salutano a mano tesa, dicendoti di tornarle a trovare.

Anche se tu sei appena entrato, loro già vogliono che te ne vai a fanculo e che  ritorni.

Io però sono una tosta, so quello che voglio: lasciare meno denaro possibile per far si che cose di questo tipo non si diffondano ulteriormente e uscire da questo quartiere compromesso.

Mi nascondo in una delle sale di questo mega store che sembra il Titanic pochi minuti prima di affondare

(luci spente, mobili di legno, boccette di profumo cadute…) e una volta che mi accorgo di essere sola, faccio saltare una pila-design di magliette.

Intercetto la taglia giusta e non rimetto a posto nulla, lascio l’angolo esploso e mi lancio fuori dalla camera prima che arrivi uno spogliarellista a calcolare i meridiani per rimettere a posto tutto.

Le casse sono una specie di ingresso al privè di un club di Miami.

Tutto cordonato, spogliarellisti più grossi di quelli all’ingresso, posizionati ai lati del bancone più lucido e laccato del cofano di una Lamborghini in esposizione e cassiere-modelle (stavolta more, guarda un pò) che stampano scontrini di una grammatura talmente alta che per produrre un rotolino per la cassa di Abercrombie bisogna disboscare mezza Amazzonia.

Ma tanto un giorno anche lì ci saranno i negozi-discoteca A&F quindi, avanti tutta!

Pago e sento che sarebbe stato più etico se con quei soldi avessi comprato un fucile ad un bambino in Congo.

Pago e mi lancio dalle scale perché sento che il mio corpo non ha più un alito di aria pulita dentro.

Pago, mi lancio dalle scale ed esco prima di aver bisogno di una settimana di lavanda alle vie respiratorie, oltre che di un corno acustico.

Sono fuori.

Gli spogliarellisti mi guardano pettinandosi mentre io, con gli occhi a fessura, accecata dalla luce improvvisa del giorno, cavalco la bicicletta e inizio a pedalare alla cieca, come se l’avessi rubata.

Non mi sono fermata neanche ai semafori ed eccomi a casa, al sicuro.

Il sacchetto è lì, fuori dalla finestra in quarantena e io sono ancora sotto choc.

Se dovete farlo, almeno comprate online da Abercrombie, eviterete esperienze al limite della sopportazione fisica e intellettuale.

E nessuno vi vedrà comprare certa roba.

Lo saprete solo voi e il corriere.

E se a consegnarvi il pacco si presenta un modello minorenne a torso nudo, fategli lasciare il pacco sul tappetino.

E non aprite fino a quando non siete sicuri che sia andato via.

Datemi retta.

 

IL CAMPO DI LAVORO PER GIOVANI IDIOTI

PROGETTI DI DISINTOSSICAZIONE

Ne ho parlato con gli amici e hanno detto che potrebbe funzionare. Quindi anche io andrò a proporre il mio Progetto alla Comunità Europea sperando di accaparrarmi qualche fondo perduto.

Il mio progetto ha ottime credenziali perché è imprenditoria femminile, giovanile ma soprattutto perché propone un potente antidoto alla crisi.

Il Progetto è praticamente pronto.

Manca solo il dipartimento giusto dove inviarlo e un paio di marche da bollo che, immagino servano, visto che servono a qualsiasi cosa.

Ho anche il budget, il business plan, la gestione rischi e imprevisti, una lista di location, un database fornitori pronti a produrre i materiali e le attrezzature utili alla finalizzazione degli impianti.

Il mio piano per la Comunità Europea ha una mission chiara: per salvare l’Italia dalla Crisi occorre partire dal futuro del paese.

I giovani.

Quei pochi rimasti in Italia, intendo.

I giovani sono il prodotto di quello che la televisione italiana ha proposto loro negli ultimi vent’anni: mondezza organica.

Ma non tutto è perduto!

Occorre creare un nuovo humus sano e bonificato più adatto e congeniale ai giovani corrotti, un luogo sano dove essi possano bonificarsi e rifiorire.

IL CAMPO DI LAVORO PER GIOVANI SOTTO-SVILUPPATI CULTURALMENTE

Un centro di vera e propria riformazione giovanile, un salvataggio in corner dalla cultura involutiva di quest’ultimo trentennio.

Il progetto che prevede la creazione di un luogo di rieducazione coatta per individui giovani rincoglioniti dal benessere.

Chi vi può accedere: i giovani under30 ritenuti al di sotto dello sviluppo intellettuale consentito.

A chi è rivolto: Il nuovo Campo di Lavoro del III millennio sarà creato per soddisfare le esigenze di quella ristretta fascia di genitori abbandonati dallo Stato perché considerati colpevoli di essere ancora forniti di intelletto.

Genitori che hanno difficoltà ad educare i propri figli e a salvarli dalla stupidità della nostra epoca.

Insomma, un progetto che verrà in soccorso delle famiglie in difficoltà, in modo concreto, pulito e infallibile.

Tuo figlio domani andrà al provino del Grande Fratello o ha comprato un paio di jeans a vita talmente bassa che cammina come una dama giapponese del seicento?

Non temere: il Nuovo Campo di Lavoro per giovani sotto-sviluppati ripristina l’intelletto della nuova generazione partendo proprio dal tuo figliolo!

Tua figlia mette da parte la paghetta per rifarsi le tette, uscire con un calciatore e prendere un tavolo al Pineta?

Il progetto di un campo di lavoro rieducativo nasce per sterminare alla radice il virus della non-intelligenza giovanile che forse si nasconde proprio nella tua principessa!

I vostri figli sono importanti perché sono il futuro di un mondo che, esattamente come loro, è sotto attacco.

La non-intelligenza giovanile trova le radici del suo sviluppo nell’ascesa di certa televisione, del lusso immeritato e di certe discoteche romagnole.

Il problema è che oggi se anche togli la televisione da tutti gli ambienti casalinghi, tuo figlio assimilerà i concetti di questa non-cultura dai suoi coetanei o attraverso smartphones e PR sulle spiagge!

Ma i giovani iscritti dai propri familiari al Nuovo Campo di Lavoro avranno una chance!

Come funziona:

(PROGRAMMA ITALIANO)

I futuri internati verranno prelevati coattamente dalle loro abitazioni, privati del cellulare e di qualsiasi oggetto di marca sia in loro possesso al momento di un arresto simulato.

Una volta presi per il lobo delle orecchie, saranno accompagnati nelle nostre strutture dove inizieranno un periodo di analisi e prima igienizzazione.

Un piccolo team di buoni cervelli europei stilerà i diagrammi di valutazione del sottosviluppo culturale del soggetto affinché ciascuno possa essere inserito nel programma più adeguato.

Vista la situazione pessima in cui versano le infrastrutture italiane e la palese corruzione che vige in quasi tutte le gare d’appalto per la manutenzione delle stesse, il progetto prevede di sfruttare i campioni di giovani internati nello sviluppo di 3 macro – progetti:

1) Carpenteria pesante.

Costruzione di gallerie sulle catene montuose (TAV escluse), costruzione di impianti a energia solare o di parchi eolici senza supporto di mezzi di trasporto materiali.

2) Smaltellamento di vecchie discariche.

Escavazione ed esumazione dei rifiuti indifferenziati e smistamento dei materiali per un corretto riutilizzo.

Anche qui non è previsto alcun supporto meccanico ai ragazzi in trattamento.

3) Bonifica e ristrutturazione di bagni pubblici e delle stazioni metropolitane ad alta frequentazione.

Piastrellamento, manutenzione ordinaria dei servizi igienici con turni di dodici ore senza pausa pranzo e lavaggio di treni in notturna.

Nello svolgimento di tutte le mansioni previste in questi 3 macro-progetti sarà sempre obbligatoria la filodiffusione in cuffia di podcast con contenuti di storia, letteratura e musica classica che verranno inviati direttamente dalla radio centrale del campo.

Tengo a sottolineare con orgoglio che in questo progetto è inserita anche una sezione particolarmente efficace per le ragazze sofferenti di inattività mentali scomposte, come frequentazione assidua di negozi di abbigliamento o di estetica, inabilità alla lettura di un settimanale che non parli di coppia o di oroscopi, poca predisposizione al lavoro in virtù del mantenimento del partner e altri affezioni simili.

Il campione di giovani donne sarà oggetto di una pulizia culturale specifica attraverso percorsi educativi come la manipolazione di feci per riutilizzo energetico di vario tipo, terapia psichiatrica di gruppo contro la propensione a invidia, malalingua e pettegolezzo, assistenza ad anziani non deambulanti, giardinaggio hard-core all’interno dei parchi pubblici e infine catalogazione online di tutti gli archivi anagrafici italiani.

In quest’ultimo, interessante modulo, le ragazze riordineranno i faldoni degli archivi a partire dall’ unità di Italia sino ad oggi, così da comprendere quanto possa essere fastidioso occuparsi dei cazzi altrui.

Attraverso periodi di rieducazione variabili nel tempo, a seconda dei casi, i giovani sottoposti ai trattamenti proposti nel Campo di Lavoro, non verranno soltanto riammessi in libertà ma potranno essere inseriti come guide responsabili del miglioramento sociale all’interno delle altre strutture dello stesso franchising o negli uffici pubblici, muniti di uno speciale patentino per picchiare i dipendenti statali ignavi e inefficienti.

Giovani Tronisti, Fanciulle Cotonate: ho qualcosa per voi.

Il mio progetto prevede anche assistenza alle famiglie con genitori contaminati attraverso corsi di recupero intensivi:

– stesura a mano di libri di educazione civica per le scuole, per imparare a insegnare in maniera idonea alle nuove generazioni.

– assistenza negli ospedali come addetti allo smaltimento dei residui fisiologici provenienti dalle sale operatorie di chirurgia ricostruttiva per recuperarsi dalla dipendenza da chirurgia plastica.

– lavori forzati alla pulizia dei monumenti con apprendimento indotto sempre via podcast in maniera obbligatoria, della storia di ciascuna opera d’arte trattata o lucidata dal soggetto, in tempo reale.

Il Campo di Lavoro (a questo punto, marchio registrato) dovrà essere gratuito per consentire a tutti un dignitoso recupero culturale perciò conto di chiedere fondi consistenti ma tuttavia inferiori a quelli che il governo richiede ai cittadini per acquistare le auto blu e i buoni pasto ai sotto-segretari.

Per maggiori informazioni e per visionare il progetto completo, potete contattarmi via mail.

Grazie per l’attenzione, la fiducia e le possibili offerte di traduzioni in altre lingue per l’estensione del progetto ad altri paesi in difficoltà.